Propithecus coquereli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sifaka di Coquerel
Propithecus coquereli 2.JPG
Propithecus coquereli
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Indriidae
Genere Propithecus
Specie P. coquereli
Nomenclatura binomiale
Propithecus coquereli
A. Grandidier, 1867
Sinonimi

Propithecus verreauxi ssp. coquereli

Il sifaka di Coquerel (Propithecus coquereli A. Grandidier, 1867) è un lemure della famiglia degli Indriidae[2]. Come tutti i lemuri, è endemico del Madagascar.

Il nome è un omaggio allo zoologo francese Charles Coquerel (1822-1867).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni esemplari nel loro habitat naturale

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Ha abitudini diurne e prevalentemente arboricole.

Vive in piccoli gruppi familiari di 4-10 individui.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

La dieta è costituita da foglie, germogli, fiori e frutti.

Comunicazione[modifica | modifica wikitesto]

Utilizza differenti tipi di vocalizzazioni. [3][4]

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nel Madagascar nord-occidentale, a nord-est del fiume Betsiboka .

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

In passato era considerato una sottospecie di Propithecus verreauxi (Propithecus verreauxi ssp. coquereli); recenti studi ne hanno definito il carattere di specie a sé stante[5].

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List considera questa specie in pericolo di estinzione (Endangered)[1].

È protetta nelle aree del Parco nazionale di Ankarafantsika e della Riserva Speciale di Bora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Ganzhorn, J. & Members of the Primate Specialist Group 2000, Propithecus coquereli su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2015.2, IUCN, 2015. URL consultato il 21gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Colin Groves, Propithecus coquereli in D.E. Wilson e D.M. Reeder (a cura di), Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ http://lemur.duke.edu/vocal/coquerel.wav
  4. ^ http://lemur.duke.edu/vocal/coquerelgroan.wav
  5. ^ Mayor MI, Sommer JA, Houck ML, Zaonarivelo JR, Wright PC, Ingram C, Engel SR and Louis EE, Specific Status of Propithecus spp in International Journal of Primatology, vol. 25, nº 4, 2004, pp. 875-900.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]