Princess Cruises

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Princess Cruises
Logo
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariaSussidiaria
Fondazione1965
Fondata daStanley McDonald
Sede principaleSanta Clarita
GruppoCarnival Corporation & plc
Persone chiaveJohn Padgett, President
SettoreTurismo
ProdottiCrociere
Slogan«Come back new»
Sito webwww.princess.com/

La Princess Cruises è una compagnia di navigazione statunitense di proprietà di Carnival Corporation. La sua sede principale è a Santa Clarita, California.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nata nel 1965 per iniziativa di Stanley McDonald, la compagnia è poi stata acquistata dalla Peninsular & Oriental Steam Navigation Company, che l'ha gestita direttamente fino al 23 ottobre 2000 per poi dare origine, tramite scorporo, alla società indipendente P&O Princess Cruises PLC. La P&O Princess Cruises PLC si fuse con la Carnival Corporation nel 2003, dando origine al più grosso operatore del mondo nel settore delle crociere.

Flotta[modifica | modifica wikitesto]

La sua flotta, comprendente un totale di 14 navi in servizio, è composta da:

Nave Immagine Classe
Bandiera
Stazza
(T.S.L.)
Lunghezza
(m)
Ponti Numero cabine Passeggeri
massimi
Velocità di crociera
(Nodi)
Anno Cantiere Note
Grand Princess Grand Princess Leghorn.JPG Grand Flag of Bermuda.svg 107 000 289,86 13 1301 2600 22 1998 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Coral Princess Coral Princess (ship, 2002) 001.jpg Coral Flag of Bermuda.svg 91 000 294 16 1000 1970 22 2002 Francia Chantiers de l'Atlantique
(Saint-Nazaire)
Island Princess Island Princess in Port Everglades.JPG Coral Flag of Bermuda.svg 91 000 294 16 1107 1970 22 2003 Francia Chantiers de l'Atlantique
(Saint-Nazaire)
Diamond Princess Diamond Princess in Hobart.jpg Grand (Gem) British-Merchant-Navy-Ensign.png 115 000 289,86 13 1353 2670 22 2004 Giappone Mitsubishi
(Nagasaki)
Sapphire Princess Sapphire Princess02.JPG Grand (Gem) British-Merchant-Navy-Ensign.png 115 000 289,86 13 1339 2670 22 2004 Giappone Mitsubishi
(Nagasaki)
Caribbean Princess Caribbean Princess in 2010.JPG Grand (Caribbean) Flag of Bermuda.svg 112 000 289,86 14 1569 3142 22 2004 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Ristrutturata nel 2017.
Crown Princess Crown Princess.jpg Grand (Crown) Flag of Bermuda.svg 113 000 289,86 15 1531 3080 22 2006 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Emerald Princess Emerald-Princess-Stockholm.jpg Grand (Crown) Flag of Bermuda.svg 113 000 289,86 15 1533 3080 22 2007 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Ristrutturata nel 2015.
Ruby Princess Istanbul Bosphorus Cruise ship Ruby Princess IMG 7926 1920.jpg Grand (Crown) Flag of Bermuda.svg 113 000 289,86 15 1530 2767 22 2008 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Ristrutturata nel 2018.
Royal Princess Royal Princess cruise ship.jpeg Royal Flag of Bermuda.svg 141 000 330 19 1780 3600 22 2013 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Regal Princess Regal Princess turning to Starboard Side in Tallinn Bay Tallinn 10 July 2017.jpg Royal Flag of Bermuda.svg 1 451 000 330 19 1780 3600 22 2014 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Majestic Princess Majestic Princess leaves Bay of Kotor.jpg Royal British-Merchant-Navy-Ensign.png 143 000 330 19 1780 3600 22 2017 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Espressamente progettata per il mercato cinese.
Sky Princess Sky Princess Trieste 2019-10-16 16-46-44.jpg Royal Flag of Bermuda.svg 145 000 330 19 1834 3600 22 2019 Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Enchanted Princess Royal Flag of Bermuda.svg 145 000 330 19 22 2020[1] Italia Fincantieri
(Monfalcone)
Ammiraglia della flotta.

In costruzione[modifica | modifica wikitesto]

Nave Classe Stazza Stato Prevista consegna Costruttore Note
Discovery Princess Royal 145 000 In costruzione gennaio 2022 Italia Fincantieri, Cantiere navale di Monfalcone
TBA Sphere 175 000 In costruzione fine del 2023 Le navi saranno alimentate da gas naturale liquefatto (GNL) e saranno le navi da crociera più grandi mai costruite in Italia[2][3].
TBA Sphere 175 000 In costruzione primavera del 2025

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]