Potchefstroom

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Potchefstroom
città
Potchefstroom – Bandiera
Potchefstroom – Veduta
Municipio di Potchefstroom
Localizzazione
StatoSudafrica Sudafrica
ProvinciaNordovest
DistrettoDr. Kenneth Kaunda
Municipalità localeTlokwe
Amministrazione
Data di istituzione1838
Territorio
Coordinate26°42′54″S 27°06′12″E / 26.715°S 27.103333°E-26.715; 27.103333 (Potchefstroom)Coordinate: 26°42′54″S 27°06′12″E / 26.715°S 27.103333°E-26.715; 27.103333 (Potchefstroom)
Altitudine1 350 m s.l.m.
Superficie162,44 km²
Abitanti43 448[1] (2011)
Densità267,47 ab./km²
Altre informazioni
Lingueafrikaans 71,35%
tswana 11,01%
inglese 7,58%
sesotho 3,92%
xhosa 2,28%
Cod. postale2520
Prefisso018
Fuso orarioUTC+2
SoprannomePotch
MottoStad van Deskundigheid
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sudafrica
Potchefstroom
Potchefstroom
Sito istituzionale

Potchefstroom è una città sudafricana situata nella provincia del Nordovest.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1838 dai Voortrekkers, rappresenta il secondo più vecchio insediamento di una popolazione europea (dopo Klerksdorp) nell'allora Transvaal. La città sorge sulle rive del fiume Mooi e dista circa 120 km da Johannesburg.

Potchefstroom fu la capitale della Repubblica del Transvaal dal 1848, anno di istituzione della repubblica, fino al 1860 quando la capitale venne spostata a Pretoria. Durante la seconda guerra boera i britannici vi costruirono un campo di concentramento dove imprigionarono anche donne, bambini e vecchi boeri.[2]

Rinomata per la cultura, la città è sede del Potchefstroom Campus dell'Università del Nordovest. Tra gli impianti sportivi degno di nota e l'Olën Park, stadio in cui la squadra di rugby a 15 dei Leopards gioca le proprie gare casalinghe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Census 2011 - Main Place "Potchefstroom", su census2011.adrianfrith.com. URL consultato il 10 marzo 2015.
  2. ^ G.N. van den Bergh, British scorched earth and concentration camp policies in the Potchefstroom region, 1899-1902, in Scientia Militaria, vol. 40, nº 2, 2012, pp. 72-88, DOI:10.5787/40-2-997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137238053 · GND (DE4367153-6
Africa del Sud Portale Africa del Sud: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Africa del Sud