Porto turistico di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Porto turistico di Roma
Ostialido31.jpg
StatoItalia Italia
Regione  Lazio
Provincia  Roma
ComuneInsigne Romanum coronatum.svg Roma
Maremar Tirreno
Tipoturistico
GestoriPorto Turistico di Roma s.r.l.
Lunghezza max imbarcazioni55 m
Posti barca totali833
Coordinate41°46′16.8″N 12°13′13.17″E / 41.771333°N 12.220324°E41.771333; 12.220324
Mappa di localizzazione: Lazio
Porto turistico di Roma
Uno dei moli

Il porto turistico di Roma è un porto turistico che si sviluppa per circa un chilometro lungo le sponde del mar Tirreno nella frazione litoranea di Ostia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Progettato negli anni '90 nell'ambito di un più ampio progetto di riqualificazione della zona dell'idroscalo di Ostia (che prevedeva anche la realizzazione dell'adiacente oasi), i lavori per la sua realizzazione iniziarono nel 1998, dopo l'autorizzazione da parte della locale Capitaneria di porto[1], ad opera della società ATI S.p.A. (Attività Turistiche e Imprenditoriali) di Mauro Balini e si conclusero con l'inaugurazione dello stesso il 24 giugno 2001 per un investimento complessivo di circa 120 miliardi di lire.[2] La gestione fu affidata ad una società privata istituita ad hoc e denominata Porto Turistico di Roma S.r.l.[1]

Nel 2012 fu approvato da Roma Capitale un progetto per l'espansione del porto con l'annesso restauro della vicina tor San Michele.[3][4]

Nel 2015 Mauro Balini, amministratore del porto, viene arrestato con le accuse di bancarotta fraudolenta (a riguardo del fallimento indotto dell'ATI), emissione di fatture false, riciclaggio e corruzione; pertanto il porto viene amministrato dall'autorità giudiziaria[5].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • 833 posti barca per una lunghezza massima di 60 metri;
  • 80 negozi per attività commerciali e ristorazione;
  • circa 1200 m di passeggiata con pista ciclabile che prosegue sul lungomare di Ostia;
  • oltre 10000  di aree espositive;
  • un anfiteatro di 750 sedute all'aperto;
  • 1 400 posti auto su parcheggi interni ed esterni;
  • un cantiere navale attrezzato con Travel Lift da 400 tonnellate;
  • uffici e sedi delle forze dell'ordine (Guardia di Finanza, Carabinieri, Polizia e Capitaneria di Porto).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ordinanza n° 20/2010 (PDF), su guardiacostiera.gov.it, Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera - Capitaneria di porto Roma. URL consultato il 23 ottobre 2022.
  2. ^ Daniela Onelli, E a Ostia spunta il Porto di Roma, in la Repubblica, 24 giugno 2001. URL consultato il 23 ottobre 2022.
  3. ^ Lorenzo Nicolini, Ostia, il porto turistico raddoppia: 611 posti barca in più, in RomaToday, Citynews, 13 novembre 2012. URL consultato il 23 ottobre 2022.
  4. ^ Ampliamento del Porto di Roma, su urbanistica.comune.roma.it, Roma Capitale - Dipartimento programmazione e attuazione urbanistica. URL consultato il 23 ottobre 2022.
  5. ^ Chi è Mauro Balini: il padrone del porto di Ostia tra corruzione e rapporti con i clan, in Roma Fanpage. URL consultato il 21 giugno 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]