Pippo non lo sa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pippo non lo sa
Artista
Autore/iMario Panzeri
Nino Rastelli
Gorni Kramer
GenereSwing
Esecuzioni notevoliSilvana Fioresi e Trio Lescano
Rita Pavone
...
Data1939

Pippo non lo sa è un brano musicale, composto nel 1939 da Mario Panzeri, Nino Rastelli e Gorni Kramer[1][2] ed interpretato originariamente da Silvana Fioresi con il Trio Lescano[1][2] e successivamente da numerosi altri artisti[1][2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ad ispirare la composizione del brano fu, secondo l'opinione più diffusa, il gerarca fascista Achille Starace, che aveva l'abitudine di passeggiare impettito in camicia nera, suscitando l'ilarità della popolazione.[1][2]

Il brano dovette così fronteggiare la censura di regime, dato che l'allusione appariva piuttosto chiara.[1][2]

Molti anni dopo la composizione del brano, segnatamente nel 1962, Gorni Kramer dichiarò però che il brano sarebbe stato ispirato dal maestro Pippo Barzizza, con il quale, nel 1939, ebbe una discussione durante un'esibizione al Kursaal di Viareggio. [2]

Testo e musica[modifica | modifica wikitesto]

Testo[modifica | modifica wikitesto]

Ma pippo, pippo non lo sa
Che quando passa ride tutta la città
E le sartine,
Dalle vetrine,
Gli fan mille mossettine.

Ma lui con grande serietà
Saluta tutti, fa un inchino e se ne va.
Si crede bello
Come un apollo
E saltella come un pollo.

Sopra il cappotto porta la giacca
E sopra il gilè la camicia.
Sopra le scarpe porta le calze,
Non ha un botton
E con le stringhe tien su i calzon.

Ma pippo, pippo non lo sa
E serio, serio se ne va per la città.
Si crede bello
Come un apollo
E saltella come un pollo.

E pippo, pippo non lo sa
Che quando passa ride tutta la città
E le sartine,
Dalle vetrine,
Gli fan mille mossettine.

Sopra il cappotto porta la giacca
E sopra il gilè la camicia.
Sopra le scarpe porta le calze,
Non ha un botton
E con le stringhe tien su i calzon.

Ma pippo, pippo non lo sa
E serio, serio se ne va per la città.
Si crede bello
Come un apollo
E saltella come un pollo.

Si crede bello
Come un apollo
E saltella come un pollo.

«Pippo non lo sa, ma quando passa ride tutta la città»

(Pippo non lo sa (1940))

Il protagonista della canzone, tale Pippo, è un personaggio che "si crede bello come un Apollo" e che, per questo, "saltella come un pollo".[1] Quello che però lui non sa è che, così facendo, suscita l'ilarità di tutta la città.[1]

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il brano, anche se nello spartito viene presentato come un foxtrot[2], presenta elementi di swing e charleston[2].

Versioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che da Silvana Fioresi con il Trio Lescano, il brano è stato inciso anche dai seguenti artisti (in ordine alfabetico):

La versione di Rita Pavone[modifica | modifica wikitesto]

Rita Pavone ne pubblicò una versione in 45 giri nel 1967.[1][2] Questa versione, che recava al Lato B il brano Uno, due, tre[4], raggiunse le prime posizioni delle classifiche[1][2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Dario Salvatori, Dizionario delle canzoni italiane, Roma, ElleU Multimedia, 2000, p. 262.
  2. ^ a b c d e f g h i j Pippo non lo sa, galleria della canzone. URL consultato il 23 novembre 2015.
  3. ^ Ennio Morricone – ...Un Mondo Di Musica, Discogs. URL consultato il 23 novembre 2015.
  4. ^ Rita Pavone – Pippo Non Lo Sa / Uno, Due, Tre, Discogs. URL consultato il 23 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica