Pioneer Investments

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pioneer.
Pioneer Investments
Logo
StatoItalia Italia
Fondazione1928 a Boston (USA)
Fondata daPhilip L. Carrett
Sede principaleMilano
GruppoCrédit Agricole
SettoreGestione del risparmio
ProdottiFondi comuni di investimento, servizi finanziari
Dipendenti2.000 (2015)
Sito web

Pioneer Investments, è il marchio commerciale usato da Amundi (Crédit Agricole). Precedentemente apparteneva a Pioneer Global Asset Management S.p.A., società interamente controllata da Unicredit.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1928 negli Stati Uniti, Pioneer Investments era una società globale di investimento, con uffici in 28 Paesi, oltre 2.000 dipendenti e € 223,6 miliardi di asset in gestione al 31 dicembre 2015. Nel 2000 è stata acquistata da Unicredito Italiano rendendo così la Pioneer Investments l'unica società di investimenti finanziari italiana ad operare a livello globale. Già presente nei paesi dell'Europa dell'Est, tale presenza è stata rafforzata a partire dal 2006 con l'acquisizione di HVB da parte sempre di Unicredit.

È stato uno dei più grandi operatori del proprio settore. Aveva quattro principali sedi: Milano, Boston (USA), Londra e Dublino (Irlanda). Ognuna di queste faceva capo formalmente a società diverse, le quali a loro volta erano detenute dalla holding Pioneer Global Asset Management S.p.A. (PGAM). Le masse amministrate al 30/06/2016 ammontavano a €221 miliardi[1].

Nel dicembre 2016 Pioneer è stata ceduta dal nuovo cda di Unicredit diretto da Jean Pierre Mustier alla francese Amundi del Gruppo Crédit Agricole (in concorrenza con una cordata italiana guidata da Poste Italiane)[2] per 3,5 miliardi di euro[3] e successivamente incorporata nel gennaio 2018.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia