Pinky Dinky Doo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pinky Dinky Doo
serie TV d'animazione
Titolo orig.Pinky Dinky Doo
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti Stati Uniti
Canada Canada
AutoreJim Jinkins
Michael Hirsh
Toper Taylor
StudioCanadian Broadcasting Corporation
Cartoon Pizza
Sesame Workshop
Cookie Jar Entertainment
ReteNoggin
CBC Television
1ª TV10 aprile 2006 – 8 aprile 2011
Episodi104 (completa)
Durata ep.30 min
Rete it.RaiSat Yoyo
1ª TV it.27 aprile 2007 – 25 aprile 2012
Dialoghi it.Mabel Manca
Studio dopp. it.Videodelta
Dir. dopp. it.Mario Brusa

Pinky Dinky Doo è un cartone animato statunitense-canadese prodotto dalla Canadian Broadcasting Corporation, Cartoon Pizza, Sesame Workshop e Cookie Jar Entertainment.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La protagonista si chiama Pinky ed è un'allegra e stravagante bambina che adora inventare storie. Vive in un appartamento in città insieme ai suoi genitori mamma e papà Dinky Doo e al suo fratellino Tyler. Indossa sempre un vestito viola e i suoi capelli sono rosa (ma lei ci tiene a precisare che il rosa non le piace per niente). Ogni volta che il piccolo Tyler si trova nei guai Pinky è subito pronta a trovare nuove idee per aiutarlo. In ogni episodio, infatti, Pinky, Tyler ed il loro migliore amico porcellino d'India si riuniscono in una scatola chiamata "storiatola" per ascoltare le storie di Pinky che lei stessa illustra sul cartone con dei gessetti. Ciascuna storia è una fantastica avventura che termina con una lezione di vita.

Doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

personaggi Voce originale Voce italiana
Pinky Dinky Doo India Ennega Tiziana Martello
Tyler Dinky Doo Allison Wachtfogel Isabella Porta
Papà Dinky Doo Justin Riordan Luca Ghignone
Mamma Dinky Doo Heather Dilly Olivia Manescalchi
Porcellino d'India Justin Riordan Stefano Brusa
Nicholas Biscotto Katherine Rose Riley Monica Bonetto
Bobby Boom Heather Dilly Davide Garbolino
Daphne Odorosa Heather Dilly Valentina Favazza

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]