Pieve di San Siro (Levanto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pieve di San Siro
Montale (SP)-IMG 1207.JPG
Stato Italia Italia
Regione Liguria
Località Montale (Levanto)
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi La Spezia-Sarzana-Brugnato
Inizio costruzione XII secolo
Completamento XVII secolo

Coordinate: 44°10′47.39″N 9°37′23.18″E / 44.179831°N 9.623106°E44.179831; 9.623106

La pieve di San Siro è un edificio religioso sito in piazza San Siro nella frazione di Montale a Levanto, nella Riviera spezzina in provincia della Spezia. La chiesa è sede della parrocchia omonima della diocesi della Spezia-Sarzana-Brugnato.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La torre campanaria

Nonostante il sito sia ricordato nei documenti storici dall'XI secolo[1], l'attuale edificio religioso è databile a non prima del XII secolo[1]. Molto probabilmente nel borgo di Montale già esisteva un'omonima chiesa con dimensioni minori - anche perché il sito viene citato in un documento del 1077[1] - sulla quale verrà poi ricostruito il nuovo edificio. L'antica pieve anticamente aveva un'ampia giurisdizione sulle chiese e cappelle degli attuali territori comunali di Bonassola e Levanto[1].

Fu in epoca barocca che la chiesa subì una notevole trasformazione[1] con l'ampliamento della struttura demolendo le tre absidi originarie e in cui trovarono spazio il coro e il presbiterio. Negli anni cinquanta del Novecento[1], in una radicale rimozione, ogni decoro e abbellimento fu rimosso per riportare la struttura interna all'edificio medievale originario. La chiesa si presenta quindi a pianta basilicale e a tre navate strette.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'altare a destra del maggiore, risalente al XVIII secolo, è conservata una statua in legno raffigurante la Madonna che - secondo la tradizione popolare - pare sia stata scolpita dal genovese Anton Maria Maragliano. Tra i dipinti conservati quello del pittore Gioacchino Assereto, ritraente la Pietà e i santi Michele Arcangelo e Rocco del 1620, e di Orazio De Ferrari con la Madonna col Bambino in trono e santi, entrambi del periodo barocco genovese.

Un altro oggetto prezioso custodito nella pieve è un calice in argento sbalzato, cesellato e dorato, anticamente di proprietà di un argentiere di Genova della metà del XV secolo.

L'attiguo campanile, quadrangolare e in pietra calcarea locale, originariamente fungeva da torre d'avvistamento che fu realizzata nel corso del XII secolo. Solo nel XIX secolo le fu aggiunta la cella campanaria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Fonte dal sito del Comune di Levanto-Pieve di San Siro, comune.levanto.sp.it. URL consultato il 20-04-2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]