Pietro Santi Bartoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Circo di Nerone, incisione

Pietro Santi Bartoli (Perugia, 1635Roma, 7 novembre 1700) è stato un pittore, incisore al bulino e acquafortista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Lemaire divenne famoso nell'incisione di antichità classicheggianti, riprodusse con la tecnica del bulino pitture e copie di grandi autori.

Sua maggior virtù fu la diffusione tramite incisione di opere poco conosciute dell'arte antica. La sua opera maggiore è stata la riproduzione in 55 tavole del Codice Virgiliano sito nella biblioteca vaticana, nel 1677.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfredo Petrucci, «BARTOLI, Pietro Santi (Piersanti)». In: Dizionario Biografico degli Italiani, Vol. 6, Roma: Istituto della Enciclopedia Italiana, 1964.
  • Massimo Pomponi, 'Alcune precisazioni sulla vita e la produzione artistica di Pietro Santi Bartoli', in Storia dell'arte, 75, 1992, pp.195-225.
  • Mirco Modolo, 'Dal clivus Scauri al vicus Capitis Africae: gli affreschi della vigna Guglielmina a Roma nei disegni dei Bartoli', in Bollettino d'Arte, 8, Ottobre-dicembre 2010, pp. 1-20.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN120695133 · LCCN: (ENn85049389 · ISNI: (EN0000 0001 0939 7110 · GND: (DE100024483 · BNF: (FRcb12462510j (data) · ULAN: (EN500019038 · NLA: (EN35840972 · BAV: ADV10052510