Piazza Santi Gervasio e Protasio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coordinate: 43°47′03.13″N 11°16′56.7″E / 43.784203°N 11.282417°E43.784203; 11.282417
il giardinetto antistante la chiesa

Piazza Santi Gervasio e Protasio è una piazza del quartiere di Campo di Marte a Firenze, posta a poca distanza dallo Stadio Artemio Franchi; è attraversata da diverse linee di trasporto pubblico urbano, che la collegano al centro storico, a Coverciano ed alla zona delle Cure.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale piazza è stata realizzata dal Comune nel 1928, espropriando parte dei terreni di proprietà della chiesa e la sacrestia dell'antico oratorio della Confraternita del Ss. Sacramento ivi esistente; sorge in corrispondenza del confine dell'antica polveriera di San Gervasio, esplosa nel 1920 causando gravi danni alle abitazioni, numerosi feriti e morti, fra i quali il Comandante dei Vigili del Fuoco Augusto Baldesi, al quale è intitolata una delle vie che porta alla piazza.

L'edificio più importante della piazza è la chiesa dei Santi Gervasio e Protasio, di antichissima fondazione ma il cui aspetto attuale risale al 1952; dinanzi alla chiesa si apre un sagrato con due olivi e delle panchine-fioriere. Il sagrato ha la sua continuazione in un giardinetto pubblico, realizzato negli anni ‘80, dove è collocata la scultura "Forza della Materia", realizzata nel 1970 dall'artista Umberto Mastroianni.

Un tempo il sagrato era chiuso sul lato destro della chiesa per la presenza di alcuni edifici a questa addossati; con la loro demolizione, avvenuta nell'ambito dei lavori di ingrandimento della chiesa, si è venuto a creare un varco con la via retrostante; su questo lato, in mezzo ad alcuni alti pini, si trova ora un'altra scultura, opera dello scultore Mario Pachioli e raffigurante San Pio da Pietrelcina, realizzata nel 1985 per volere dell'allora parroco Mons. Giancarlo Setti ed inaugurata nel 1986 da Madre Teresa di Calcutta nel suo viaggio a Firenze [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pierina Bacci, San Gervasio - Storia e leggende del quartiere, Stabilimento Poligrafico Fiorentino, 1980
  Portale Firenze: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di firenze