Piazza Montanara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Piazza Montanara
049TeatroMarcello.jpg
Il Teatro Marcello e l'area antistante corrispondente a parte della piazza Montanara
Localizzazione
Stato Italia Italia
Città Roma
Circoscrizione Municipio I Roma Centro Storico
Codice postale 00186
Caratteristiche
Demolizione 1934
Collegamenti
Intersezioni via Montanara, via Bocca della Verità, via de' Sugherari.
Il Teatro Marcello visto da Piazza Montanara – sec. XIX
Veduta di parte del teatro Marcello dalla piazza, in un'illustrazione del 1810

Piazza Montanara era una antica e pittoresca piazza di Roma posta ai piedi della Rupe Tarpea nelle immediate vicinanze del Campidoglio, delimitata in parte dal Teatro di Marcello.

Ora è interamente scomparsa a seguito delle demolizioni degli anni trenta del XX secolo, per dar luogo al passaggio del tratto iniziale della via del Mare ora nota come via del Teatro Marcello.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Situata nella contrada nota nel medioevo con il nome ad Elephantus, dalla statua bronzea dell'Elephas herbarius che sorgeva nei pressi in età romana, posta a segnacolo dell'adiacente Foro Olitorio[1], il suo ricordo è ora testimoniato dal brevissimo tratto denominato via Montanara che introduce alla Piazza di Campitelli. Per mezzo della altrettanto scomparsa via dei Sugherari che seguiva per un tratto l'andamento curvilineo del Teatro per congiungersi alla Catena di Pescheria[2] (attuale via del Foro Piscario), dalla piazza si accedeva alla vicina piazza di Pescheria presso il Portico di Ottavia, mentre per mezzo della prosecuzione dell'antica via Montanara e di via Tor de' Specchi si giungeva ai piedi della Cordonata del Campidoglio e della chiesa di Santa Rita che venne smontata e ricostruita su un lato della attuale via Montanara; verso sud mediante la rettilinea via della Bocca della Verità, che passava davanti alla chiesa di San Nicola in Carcere, la piazza era collegata con la chiesa di Santa Maria in Cosmedin.

La piazza, posta lungo la via omonima e sul confine dei Rioni Sant'Angelo e Campitelli, data la sua centralità era molto frequentata in passato per essere un luogo di raccolta di persone provenienti dalle campagne e colline circostanti e anche da fuori dello Stato Pontificio, che sin dalle primissime ore del mattino vi si affollavano per offrire la loro manodopera per lavori di bracciantato, e stante la scarsa alfabetizzazione dei lavoratori era anche un luogo molto frequentato da scrivani che prestavano la loro opera per la scritture di lettere ed altri atti di varia natura.

La fontana[modifica | modifica wikitesto]

Piazza Montanara nel 1929 durante le demolizioni

La fontana dell'Acqua Vergine, realizzata nel 1589 su disegno di Giacomo Della Porta, è stata collocata al centro della piazza fino agli anni trenta del Novecento. Essa era contornata da numerose osterie, oltre che da palchetti per saltimbanchi e burattinai. A seguito dei lavori di demolizione e dopo essere stata collocata per un quarantennio nel Giardino degli Aranci all'Aventino, la si può vedere ora nella sua attuale collocazione (dal 1973) in piazza di San Simeone lungo Via dei Coronari, di fronte al palazzo Lancellotti.

Aspetto originario[modifica | modifica wikitesto]

La piazza godeva di particolare fascino per il numero di botteghe (carbonai, macellai e altro) prospicienti sulla piazza e collocate, come testimoniato da numerose stampe e fotografie dell'epoca, all'interno degli archi del basamento del Teatro di Marcello, in parte murati e riportati poi alle forme originali dopo i grandi lavori di demolizione dell'area. Il suolo di calpestìo della piazza, riconoscibile anche dalla linea che congiunge i pilastri del primo ordine del Teatro nel punto di maggior consunzione, corrispondeva al medesimo dell'attuale livello stradale che ne occupa una parte marginale, risultando l'area archeologica ora ai piedi dell'edificio, che occupa lo spazio di buona parte della piazza, posta ad un livello sensibilmente più in basso, derivante dai medesimi lavori che interessarono anche lo sterro di tutta l'area contigua alla struttura del teatro, liberandola interamente dalle occlusioni realizzate come sembra sin dal secolo XIII[3].

La piazza veniva attraversata dal primo servizio di trasporto collettivo della città che dal 1845, mediante un omnibus trainato da cavalli, collegava piazza Venezia con la Basilica di San Paolo.

Pianta di Roma di G.B. Nolli, Topografia di piazza Montanara al n.974

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Liber Pontificalis, XCVII, c. 13; Roma nel 1838 descritta da Antonio Nibby, parte II Antica, pp.589 e 597; Famiano Nardini, Roma Antica: Edizione quarta Romana..., 1819, pp.346-347; Samuel Ball Platner, Varia Topographica, Classical Philology Vol. 12, No. 2 (Apr., 1917), p. 194
  2. ^ Umberto Gnoli, Topografia e toponomastica di Roma medievale e moderna, 1939, alle voci
  3. ^ Roma nel 1838 descritta... cit., ivi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN238779077