Campitelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°53′16.91″N 12°29′11.01″E / 41.88803°N 12.486391°E41.88803; 12.486391

R. X Campitelli
Stemma ufficiale
Piazza del Campidoglio
Piazza del Campidoglio
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Provincia Roma Roma
Città Roma-Stemma.png Roma Capitale
Circoscrizione Municipio Roma I
Codice 110
Superficie 0,5990 km²
Abitanti 576 ab.[1] (2015)
Densità 961,6 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Campitelli è il decimo rione di Roma, indicato con R. X.

Con appena 576 abitanti, è il rione meno popolato di Roma; del resto, da tempo l'area si caratterizza per l'importanza dei suoi siti istituzionali, archeologici e museali, con poco spazio per edifici residenziali.

Il nome che ancora in età medievale era declinato al singolare con Campitello, si ritiene comunemente derivi da "Capitolium", luogo in cui sorgeva il tempio più importante di Roma antica, quello della Triade Capitolina di Giove, Giunone e Minerva. Secondo altre opinioni, vista anche la diffusione del toponimo "Campitelli" fuori dall'Urbe, l'etimologia verrebbe da Campus Telluris, ovvero campo sterrato; con buona probabilità tuttavia l'etimologia fa riferimento al Campus minor, denominazione con cui era conosciuta l'area già nel I secolo a.C. testimoniata da Catullo (55,3)[2].

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio del rione comprende i colli del Campidoglio e del Palatino.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il rione confina con:

Via di San Teodoro
  • Pigna: via e piazza San Marco
  • Trevi: piazza Madonna di Loreto
  • Monti: via dei Fori imperiali
  • Celio: via di San Gregorio
  • Ripa: via dei Cerchi, piazza Santa Anastasia, via di San Teodoro, via dei Fienili, piazza della Consolazione, vico Jugario, via di Monte Caprino
  • Sant'Angelo: via Montanara, piazza di Campitelli, via Cavalletti, via dei Delfini, piazza e vicolo Margana, via dell'Aracoeli

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Testa di drago nera in campo bianco.[3]

La scelta del simbolo deriva dalla leggenda secondo cui un drago che infestava il Foro Romano fu cacciato da papa Silvestro I.

Stemma Campitelli.svg

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Sconsacrate
Scomparse

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Templi[modifica | modifica wikitesto]

Basiliche[modifica | modifica wikitesto]

Archi e colonne[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Piazze[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2015 per suddivisione toponomastica.
  2. ^ Lawrence Richardson, A new topographical dictionary of ancient Rome, 1992, p. 67.
  3. ^ Carlo Pietrangeli, p. 190.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Manodori, RIONE X. CAMPITELLI, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 3, Roma, Newton Compton Editori, 1989.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Carlo Pietrangeli, Insegne e stemmi dei rioni di Roma, in Capitolium. Rassegna di attività municipali, anno XXVIII, nº 6, Roma, Tumminelli - Istituto Romano di Arti Grafiche, 1953.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4832297-0
Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma