Philipomyia aprica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Philipomyia aprica
Philipomyia aprica 6.JPG
Esemplare fotografato a Piazzo (Italia)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Tracheata
Superclasse Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Endopterygota
Superordine Oligoneoptera
Sezione Panorpoidea
Ordine Diptera
Sottordine Brachycera
Coorte Orthorrhapha
Famiglia Tabanidae
Genere Philipomyia
Specie P. aprica
Nomenclatura binomiale
Philipomyia aprica
(Meigen, 1820)
Sinonimi

Tabanus aprica Meigen, 1820[1]
Tabanus infuscatus Loew, 1858
Tabanus zizaniae Leclercq, 1967[2]

Philipomyia aprica (Meigen, 1820) è un insetto dell'ordine dei ditteri e della famiglia dei tabanidi[1][2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esemplare fotografato a Canillo (Andorra)

Philipomyia aprica presenta un torace bruno e decisamente peloso, e un addome a segmenti neri terminanti con bande chiare. Ali e zampe sono giallo-brunastre, mentre gli occhi composti sono di un verde brillante.

Le femmine adulte possono raggiungere i 18 mm di lunghezza.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È una specie comune, frequente in alta montagna in periodo estivo; si nutre di nettare, con una predilezione per i fiori delle apiacee.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

È diffusa in gran parte d'Europa; la sua presenza è attestata nelle penisole iberica, italiana e balcanica, in Francia, Belgio, Europa centrale, Romania e Russia europea centrale (non contando le isole, da cui è assente)[1]. È inoltre presente in Turchia, Iran e Caucaso[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Philipomyia aprica (Meigen, 1820), su Fauna Europaea. URL consultato il 24 luglio 2017.
  2. ^ a b c (EN) Philipomyia apica (Meigen, 1820), su Catalogue of Life. URL consultato il 24 luglio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi