Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Phanom Rung

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Phanom Rung
Place PhnomrungPrasat.jpg
Il santuario centrale con l'alta torre centrale a cuspide (prang)
Localizzazione
Stato Thailandia Thailandia
Mappa di localizzazione

Coordinate: 14°31′53″N 102°56′32″E / 14.531389°N 102.942222°E14.531389; 102.942222

Mappa di localizzazione: Tailandia
Phanom Rung
Phanom Rung
Phanom Rung (Tailandia)

Phanom Rung (in thai: พนมรุ้ง, Prasat Phnom Rong in khmer traslitterato) è un complesso di templi Khmer situato nella provincia di Buri Ram, in Thailandia. È il più grande complesso templare khmer in territorio thailandese ed è in ottimo stato di conservazione, essendo stato restaurato di recente.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sorge su una collina, residuo di un antico vulcano, a circa 400 m di altezza sul livello del mare ed è orientato a nord-est anziché, come comunemente accade con i templi khmer, ad est.[2] Era un complesso di templi induisti, nei quali venivano venerati Shiva e Vishnu.

Buona parte della regione dell'Isan situata a nord dei monti Dangrek faceva parte dell'Impero Khmer. Phanom Rung fu costruito in laterite e arenaria sul sito di un precedente tempio in mattoni durante il regno di Suryavarman I, la cui stirpe (i Mahidharapura) era originaria dell'Isan.[3]

Il Dipartimento Thailandese delle Belle Arti ha impiegato 17 anni a ristrutturare il complesso, che è stato inaugurato il 21 maggio 1988 dalla principessa Sirindhorn. Il complesso si trova lungo l'antica strada khmer Angkor Phimai, che collegava l'allora capitale imperiale Angkor all'importante centro di Phimai, situato a 60 km dall'attuale capoluogo dell'Isan, Korat. Tale arteria è oggi coperta dalla vegetazione cresciuta nel corso dei secoli.

Nel 2004, il complesso costituito da Phimai, dall'antica strada khmer Angkor Phimai e dai templi associati di Phanom Rung e Muangtam è stato inserito dall'UNESCO tra le candidature alla lista dei patrimoni dell'umanità.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Introducing Phanom Rung Historical Park, Lonely Planet. URL consultato il 25 luglio 2011.
  2. ^ (EN) Asger Mollerup, Solar events at Prasat Phanom Rung, sundial.thai-isan-lao.com. URL consultato il 25 luglio 2011.
  3. ^ Higham, 2001, pag. 114
  4. ^ (EN) Tentative Lists - Thailand, whc.unesco.org. URL consultato il 10 luglio 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]