Pentium Extreme Edition

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo del Pentium Extreme Edition

Il Pentium Extreme Edition è un microprocessore x86 prodotto da Intel e arrivato sul mercato il 28 maggio 2005. Esso è profondamente basato sul Pentium D, il primo processore dual core progettato da Intel ma, a differenza di quest'ultimo, implementa anche la tecnologia Hyper-Threading abilitata su entrambi i core, al pari di quanto accadeva con i "vecchi" Pentium 4 e Pentium 4 EE, e quindi il sistema operativo "percepisce" la presenza di quattro core logici. Le altre caratteristiche sono le stesse che caratterizzano i Pentium D, quindi supporto alle istruzioni EM64T e tecnologia XD-bit, oltre a processo costruttivo a 90 nm e tecnologia di risparmio energetico SpeedStep.

Non si conoscono precisamente i limiti fisici di questa CPU ma in alcune prove indipendenti si è riusciti a provarne l'affidabilità fino ai 3,8 GHz utilizzando un sistema di raffreddamento ad aria.

Caratteristiche principali delle varie evoluzioni del Pentium Extreme Edition[modifica | modifica wikitesto]

Smithfield[modifica | modifica wikitesto]

Con l'arrivo sul mercato dei primi processori Pentium D dual core, Intel ha rinnovato anche la gamma degli Extreme Edition. Quest'ultimo è un Pentium D Smithfield con la tecnologia Hyper-Threading abilitata in modo che il sistema operativo veda 4 core. Il bus utilizzato, a 800 MHz (e non 1066 MHz come nei Pentium 4 EE) rappresenta un "collo di bottiglia" per il transito dei dati richiesti dai 4 core logici.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Smithfield (informatica).

Presler[modifica | modifica wikitesto]

Si sa ancora poco sul futuro Pentium Extreme Edition basato sul core Presler, eccetto che dovrebbe essere basato sul bus a 1066 MHz e, come il suo predecessore, dovrebbe essere l'unico Presler con la tecnologia Hyper-Threading abilitata.

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presler.

Modelli arrivati sul mercato[modifica | modifica wikitesto]

La tabella seguente mostra tutti i modelli di Pentium Extreme Edition arrivati sul mercato. Molti di questi condividono caratteristiche comuni pur essendo basati su diversi core; per questo motivo, allo scopo di rendere maggiormente evidente tali affinità e "alleggerire" la visualizzazione alcune colonne mostrano un valore comune a più righe. Di seguito anche una legenda dei termini (alcuni abbreviati) usati per l'intestazione delle colonne:

  • Nome Commerciale: si intende il nome con cui è stato immesso in commercio quel particolare esemplare.
  • Data: si intende la data di immissione sul mercato di quel particolare esemplare.
  • N°Core: si intende il numero di core montati sul package: 1 se "single core", 2 se "dual core" e così via.
  • Socket: lo zoccolo della scheda madre in cui viene inserito il processore. In questo caso il numero rappresenta oltre al nome anche il numero dei pin di contatto.
  • Clock: la frequenza di funzionamento del processore.
  • Molt.: sta per "Moltiplicatore" ovvero il fattore di moltiplicazione per il quale bisogna moltiplicare la frequenza di bus per ottenere la frequenza del processore.
  • Pr.Prod.: sta per "Processo produttivo" e indica tipicamente la dimensione dei gate dei transistor (180 nm, 130 nm, 90 nm) e il numero di transistor integrati nel processore espresso in milioni.
  • Voltag.: sta per "Voltaggio" e indica la tensione di alimentazione del processore.
  • Watt: si intende il consumo massimo di quel particolare esemplare.
  • Bus: frequenza del bus di sistema.
  • Cache: dimensione delle cache di 1º e 2º livello.
  • XD: sta per "XD-bit" e indica l'implementazione della tecnologia di sicurezza che evita l'esecuzione di codice malevolo sul computer.
  • 64: sta per "EM64T" e indica l'implementazione della tecnologia a 64 bit di Intel.
  • HT: sta per "Hyper-Threading" e indica l'implementazione della esclusiva tecnologia Intel che consente al sistema operativo di vedere 2 core logici.
  • ST: sta per "SpeedStep Technology" ovvero la tecnologia di risparmio energetico sviluppata da Intel e inserita negli ultimi Pentium 4 Prescott serie 6xx per contenere il consumo.
  • VT: sta per "Vanderpool Technology", la tecnologia di virtualizzazione che rende possibile l'esecuzione simultanea di più sistemi operativi differenti contemporaneamente.
  • Core: si intende il nome in codice del progetto alla base di quel particolare esemplare.
Nome Commerciale Data Socket N°Core Clock Molt. Pr.Prod. Voltag. Watt Bus Cache XD 64 HT ST VT Core
Pentium EE 840 28 maggio 2005 775 2 3,2 GHz 16x 90 nm
230 mil.
1,4 V 130 W 800
MHz
L1=2x16KB
L2=2x1MB
No Smithfield
Pentium EE 955 27 dicembre 2005 3,46 GHz 13x 65 nm
380 mil.
1,27 V 1066
MHz
L1=2x16KB
L2=2x2MB
No Presler
Pentium EE 965 22 marzo 2006 3,73 GHz 14x

Nota: la tabella soprastante è un estratto di quella completa contenuta nella pagina del Pentium D.

La morte del Pentium Extreme Edition[modifica | modifica wikitesto]

Intel ha dichiarato che alla fine di ottobre 2006 avrebbe sospeso la produzione del Pentium Extreme Edition, e più precisamente la sua versione basata su Presler, dato che ormai era stata superata dal nuovo Core 2 Extreme X6800.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica