Pauline Marie de La Ferronays

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Countess Pauline de la Ferronnays by Brian Searby (Middleton Album).jpg

Pauline Marie de La Ferronays, coniugata Craven (Londra, 12 aprile 1808Parigi, 1º aprile 1891), è stata una scrittrice e filantropa francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del conte Auguste Ferron de La Ferronnays, ambasciatore e ministro degli Affari esteri, visse con la famiglia a San Pietroburgo e a Parigi, frequentando gli ambienti letterari vicini al teologo e filosofo Félicité de Lamennais. Nel 1828 seguì il padre a Roma, stabilendosi infine a Napoli, dove conobbe e sposò il diplomatico inglese Augustus Craven.

A Napoli divenne promotrice del movimento pietista, con l'aiuto delle sorelle: il suo impegno era rivolto soprattutto all'accoglienza dei ragazzi, a cui offriva un lavoro, curandone anche l'istruzione, e al sostegno economico degli anziani bisognosi. Dopo la caduta del regno borbonico, insieme all'amica Teresa Filangieri, estese la sua opera collaborando con gli altri filantropi napoletani. Visse alcuni anni anche a Cava de' Tirreni[1], facendo della sua casa un centro di cultura[2] e impegnandosi ancora in opere filantropiche.

Nel 1866 pubblicò il primo libro, Recit d'une sœur, souvenirs de famille, in cui descriveva la storia della propria famiglia. Seguirono numerosi romanzi e saggi, apprezzati soprattutto nell'ambiente culturale cattolico.

Nel 1872 si trasferì a Parigi, dove morì.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Récit d'une sœur, souvenirs de famille, 1866
  • Adélaïde Capece Minutolo, 1869 (su google books)
  • Fleurange, 1872
  • Pèlerinage de Paray-le-Monial, 1873
  • Le Comte de Montalembert, 1873
  • Le Mot de l'énigme, 1875
  • Deux mots de la question catholique en Angleterre, 1875
  • Anne Severin, 1876
  • La Marquise de Mun, 1877
  • La Sœur Natalie Narischkin, fille de la charité de Saint-Vincent-de-Paul, 1877
  • Le Travail d'une âme 1877
  • Réminiscences, souvenirs d'Angleterre et d'Italie, 1879
  • La Jeunesse de Fanny Kemble, 1880
  • Une Année de méditations, 1881
  • Éliane, 1882
  • Le Valbriant, 1886
  • Lady Georgiana Fullerton, sa vie et ses œuvres, 1888
  • Le Père Damien, 1890
  • Vie du Pére Ludovic de Casoria, d'aprés le cardinal Alph. Capeccelatro, 1892

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elena Croce, La Patria napoletana, Adelphi Edizioni, 1999. pag. 121]
  2. ^ The Dublin Review, W. Spooner, 1895, vol. 116, pag. 130 (su google books)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN41831266 · LCCN: (ENn89607873 · SBN: IT\ICCU\RAVV\036633 · ISNI: (EN0000 0001 0856 8336 · GND: (DE128630795 · BNF: (FRcb10725588m (data) · NLA: (EN35864464 · BAV: ADV10137010 · CERL: cnp00502076