Paul Pierre Méouchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paul Pierre Méouchi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
Gloria Libani data est ei
 
Incarichi ricoperti
 
Nato1º aprile 1894, Jezzin
Ordinato presbitero7 dicembre 1917 dal vescovo Nematallah Abi Karam
Nominato vescovo29 aprile 1934 del Sinodo della Chiesa Maronita Cattolica
Consacrato vescovo8 dicembre 1934 dal patriarca Antoun Boutros Arida
Elevato patriarca25 maggio 1955 del Sinodo della Chiesa Maronita Cattolica
Creato cardinale22 febbraio 1965 da papa Paolo VI
Deceduto11 gennaio 1975, Beirut
 

Paul Pierre Méouchi, patriarca della Chiesa maronita (in araba: بولس الثاني بطرس المعوشي; Jezzin, 1º aprile 1894Beirut, 11 gennaio 1975), è stato un cardinale libanese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Jezzin il 1º aprile 1894.

Ordinato sacerdote il 7 dicembre 1917, fu nominato arcieparca di Tiro il 19 aprile 1934 ed ordinato vescovo dal patriarca Antoun Boutros Arida l'8 dicembre dello stesso anno.

Il 25 maggio 1955 è stato eletto patriarca della Chiesa maronita succedendo a Antoun Boutros Arida.

Papa Paolo VI lo elevò al rango di cardinale[1] nel concistoro del 22 febbraio 1965, facendo di lui il primo libanese e maronita a raggiungere la porpora.

Morì l'11 gennaio 1975 all'età di 80 anni.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Papa Paolo VI, con il motu proprio Ad purpuratorum Patrum Collegium, pubblicato l'11 febbraio 1965, stabilì che i Patriarchi di rito orientale assunti nel Sacro Collegio dei Cardinali non appartengono al clero di Roma e, pertanto, non può essere assegnato loro alcun titolo o diaconia. I Patriarchi cardinali appartengono all'ordine dei cardinali vescovi e, nella gerarchia, si situano immediatamente dopo di loro. Mantengono la loro sede patriarcale e non viene assegnata loro alcuna sede suburbicaria.
Controllo di autoritàVIAF (EN305115078 · ISNI (EN0000 0004 1718 5531 · LCCN (ENno2016000335 · BAV ADV12645285