Paul Émile Botta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paul Émile Botta nato Paolo Emilio Botta (Torino, 6 dicembre 1802Achères, 29 marzo 1870) è stato un archeologo e storico italiano naturalizzato francese, fu console a Mossul (in quel periodo sotto l'Impero Ottomano) dal 1842. Egli era figlio di Carlo Botta, di professione medico ma che divenne noto come storico e politico piemontese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi e il viaggio sulla Héros[modifica | modifica wikitesto]

Il padre divenne cittadino francese e per un certo periodo si unì alle truppe napoleoniche come medico. Fu anche rettore dell'accademia di Medicina di Rouen, ma dovette dimettersi causa le sue posizioni liberali.[1]

Anche Paolo studiò medicina, a Rouen e poi a Parigi,[1] dove fu allievo di Henri Marie Ducrotay de Blainville.[2] Fu in Grecia nel periodo della Guerra d'indipendenza greca, anche se i motivi della sua presenza non sono chiari. Nel 1826, quando non aveva ancora completato gli studi, s'imbarcò come medico di bordo e naturalista sulla nave Héros, in occasione di una circumnavigazione del globo per scopi scientifico-esplorativi.[1]

Il consolato in Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Giunto in Iraq come console, aveva istruzioni di trovare la biblica Ninive. Diresse quindi i primi scavi sul tell di Kuyunjik, ma li abbandonò ben presto nel 1843 per una locazione 20 km a nord, chiamata allora Khorsabad, giudicata più promettente. Vi scoperse un palazzo di più di 100 stanze e ritenne di avervi trovato i resti della capitale assira, dandone notizia a Parigi.

In realtà si trattava di Dur-Sharrukin, la capitale di Sargon II. Nel 1846 statue e reperti archeologici trovati da Botta furono inviati a Parigi, dove andarono a costituire il nucleo della collezione assira del Museo del Louvre, inaugurata il 1º maggio 1847 alla presenza di re Luigi Filippo di Francia. Lo scoppio della rivolta nel 1848 e l'instaurazione della Seconda Repubblica francese gli impedì di godere appieno i frutti delle sue scoperte.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Continuò la carriera diplomatica a Gerusalemme e Tripoli, prima di rientrare in Francia causa problemi di salute e morirvi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Larsen, 2014, cap.II - Paolo Emilio Botta
  2. ^ Edgar C. Knowlton Jr., Paul-Emile Botta, Visitor to Hawai'i in 1828 in Hawaiian Journal of History, vol. 18, Hawaii Historical Society, 1984, pp. 13–38.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24673155 · LCCN: (ENn88020337 · ISNI: (EN0000 0001 0879 7198 · GND: (DE116270861 · BNF: (FRcb12333483x (data) · ULAN: (EN500215049