Pastis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pastis
Pastis.jpg
Un bicchiere di pastis
Origini
Luogo d'origineFrancia Francia
Dettagli
Categoriabevanda

Il pastis è un aperitivo alcolico profumato all'anice tipico della Francia (nasce nella città di Marsiglia), con un contenuto di alcol di solito intorno al 40-45%, anche se esistono versioni analcoliche della bevanda.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pastis francese

Il nome pastis viene dall'occitano pastís, che significa "pasticcio" o "miscela". Quando in Francia fu proibito l'assenzio nel 1916, i maggiori produttori (Pernod e Ricard, che poi si sono fusi nella Pernod Ricard) riformularono le loro ricette introducendo l'anice, aggiungendo zucchero e riducendo il contenuto di alcool. Il pastis in particolare venne inventato da Paul Ricard nel 1932, a Marsiglia; la sua gradazione alcolica originariamente era di 45°[1]. Da allora tuttavia la ricetta della bevanda è cambiata considerevolmente.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Il pastis si beve di solito diluito con acqua (con un rapporto di 7 volumi di acqua per ognuno di pastis), che ne diminuisce notevolmente il tasso alcolico e ne cambia l'aspetto da giallo scuro limpido a giallo chiaro lattiginoso; ciò avviene perché gli oli essenziali, insolubili in acqua, formano minuscole goccioline che riflettono la luce. La bevanda va consumata fredda, anche con ghiaccio.

Sebbene consumato in tutto il paese, il pastis è tipico della Francia sudorientale, specialmente a Marsiglia e in Provenza, dove è considerato, come la pétanque, parte dello stile di vita.

Data la vicinanza geografica è diffuso anche in alcune zone del Piemonte, in particolare in provincia di Cuneo, e nella Riviera di Ponente[senza fonte].

Alcuni cocktail hanno come ingrediente il pastis:

  • il perroquet (pappagallo) con sciroppo di menta verde
  • il tomate (pomodoro) con sciroppo di granatina
  • il rourou con sciroppo di fragola
  • il mauresque (moresco) con orzata

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., Provenza e Costa Azzurra, EDT, 2010, p. 23. URL consultato il 27 marzo 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4466668-8