Passo della Croce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passo della Croce
Il Turu dal Passo della Croce.jpg
Il ricovero al Passo della Croce
StatoItalia Italia
RegionePiemonte Piemonte
ProvinciaTorino Torino
Località collegateViù
Germagnano
Vallo Torinese
Altitudine1 254[1] m s.l.m.
Coordinate45°13′48″N 7°27′56″E / 45.23°N 7.465556°E45.23; 7.465556Coordinate: 45°13′48″N 7°27′56″E / 45.23°N 7.465556°E45.23; 7.465556
Infrastrutturasentiero
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo della Croce
Passo della Croce

Il passo della Croce è un valico alpino delle Alpi Graie situato in Provincia di Torino che collega la val Ceronda con la valle di Viù, più precisamente il comune di Vallo Torinese con quelli di Germagnano e di Viù.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il passo si apre tra Il Turu e il monte Druina e si trova alla testata dei valloni del Rio Tronta (lato val Ceronda) e del rio Maddalene (lato valle di Viù). L'accesso avviene per sentiero da Vallo Torinese o da Colbeltramo; in questo caso occorre seguire lo sterrato di servizio dei ripetitori del Turu e svoltare a destra poco prima della cima della montagna. La salita da Colbeltramo è anche percorribile in MTB. In corrispondenza del valico sorgono una croce ed una statua della Madonna, nonché un punto di appoggio costruito nel 2003 che permette di trovare riparo in caso di maltempo.[2]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Resistenza il valico fu usato dal contingente partigiano attivo in val Ceronda per consentire l'approvvigionamento dei reparti insediati all'interno delle valli di Lanzo.

Escursionismo[modifica | modifica wikitesto]

Il valico può essere ragginto per sentiero da Vallo Torinese[3] o da Monbas, dal versante che dà sulle Valli di Lanzo. Dal passo è comodamente raggiungibile Il Turu, dal quale si gode di un vastissimo panorama, per un largo sentiero che poi confluisce sullo sterrato di servizio delle antenne presenti sulla vetta. La salita al monte Druina è meno agevole e avviene per una cresta a tratti ingombra di affioramenti rocciosi e pietrame.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  2. ^ Il passo della Croce, pagina sul sito istituzionale www.vallo-torinese.it (consultato nel gennaio 2014)
  3. ^ Andrea Castagno, Monte Druina & Roc Neir, su lafiocavenmola.it, 8 dicembre 2011. URL consultato il 31 dicembre 2019.
  4. ^ Filippo Ceragioli e Aldo Molino, Il Passo della Croce e il Monte Turu da Monbas, in Le più belle escursioni nelle Valli di Lanzo, Edizioni del Capricorno, 2017, pp. 24, ISBN 9788877073426.

Cartografia[modifica | modifica wikitesto]