Paride Grillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paride Grillo
GP Rennes 2007 - Paride Grillo.JPG
Paride Grillo nel 2007
Nazionalità Italia Italia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Specialità Strada
Ritirato 2010
Carriera
Squadre di club
2001-2004 Ceramiche Pagnoncelli
2004 Panaria (stagista)
2005-2007 Panaria
2008 CSF Group
2010 Carmiooro
 

Paride Grillo (Varese, 23 marzo 1982) è un ex ciclista su strada italiano, professionista dal 2005 al 2010, aveva caratteristiche da velocista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver gareggiato con la Ceramiche Pagnoncelli tra il 2001 e il 2004, Grillo passò professionista nel 2005 con la Ceramiche Panaria-Navigare di Bruno Reverberi. Nel suo primo anno da professionista partecipò al Giro d'Italia dove ottenne diversi piazzamenti nelle volate di gruppo. Fu secondo, battuto solamente da Alessandro Petacchi, nella 12ª tappa con arrivo a Rovereto. Durante il corso della stagione colse inoltre i primi successi con le vittorie di tappa al Circuit de Lorraine e al Giro di Danimarca.

La stagione successiva, a causa di una polmonite, non partecipò al Giro d'Italia 2006. Nel proseguo della stagione colse tre successi: la vittoria del Grand Prix de la Ville de Rennes e due successi di tappa al Circuit de la Sarthe e al Brixia Tour.

Si ripeté ancora sul circuito francese nel 2007, cogliendo poi due successi di tappa anche alla Volta a Portugal. Corse inoltre il suo secondo Giro d'Italia, in cui tuttavia si ritirò durante la decima tappa.

Il 3 gennaio 2008 fu vittima di un incidente stradale che gli provocò diverse ferite e lo tenne lontano dalle corse diversi mesi compromettendo l'intera stagione.[1]

All'inizio del 2009, non riuscendo a trovare un ingaggio che lo soddisfasse, annunciò il ritiro dall'attività agonistica e la volontà di tornare a lavorare nell'azienda del padre.[2]

Nel 2010 rientrò nel mondo del professionismo venendo ingaggiato dalla Carmiooro-N.G.C., formazione continental diretta da Roberto Miodini.[3] La stagione si rivelò avara di soddisfazioni e fu condizionata dall'infortunio di Grillo che si ruppe i legamenti della spalla destra durante un allenamento.[4] Per il velocista fu l'ultima stagione da professionista.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

  • 2005 (Panaria, due vittorie)
5ª tappa Circuit de Lorraine (Hayange)
4ª tappa Giro di Danimarca (Odense)
  • 2006 (Panaria, tre vittorie)
2ª tappa, 1ª semitappa Circuit de la Sarthe (Angers)
4ª tappa Brixia Tour (Palazzolo sull'Oglio)
Grand Prix de la Ville de Rennes
  • 2007 (Panaria, tre vittorie)
2ª tappa, 1ª semitappa Circuit de la Sarthe
1ª tappa Volta a Portugal (Beja)
7ª tappa Volta a Portugal (Gondomar)

Piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Grandi Giri[modifica | modifica wikitesto]

2005: 143º
2007: ritirato (10ª tappa)

Classiche Monumento[modifica | modifica wikitesto]

2006: 144º
2007: ritirato
2005: ritirato
2006: ritirato

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Schianto in auto Paura per Grillo - Gazzetta dello Sport, su www.gazzetta.it. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  2. ^ Grillo chiede fiducia "Ora ho la testa a posto" - Notizie sul ciclismo e calendario delle gare 2017 - La Gazzetta dello Sport, su www.gazzetta.it. URL consultato il 19 ottobre 2017.
  3. ^ (IT) Paride Grillo riparte dalla Carmiooro - SportParma, su www.sportparma.com. URL consultato il 16 ottobre 2017.
  4. ^ Caduta dai rulli Grillo, spalla k.o., su archiviostorico.gazzetta.it. URL consultato il 16 ottobre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]