Parco nazionale del Catatumbo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco nazionale del Catatumbo
Parque Nacional Ciénagas del Catatumbo
Tipo di areaParco nazionale
StatoVenezuela Venezuela
Stato federatoZulia
Superficie a terra269400 ha
Provvedimenti istitutivi15/06/1991
Catatumbolightning.jpg
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Venezuela
Parco nazionale del Catatumbo
Parco nazionale del Catatumbo

Coordinate: 9°31′20.96″N 72°19′11.89″W / 9.522488°N 72.319969°W9.522488; -72.319969

Il parco nazionale del Catatumbo, in spagnolo Parque Nacional Ciénagas del Catatumbo, è un'area protetta del Venezuela, il secondo parco naturale dello stato Zulia, situato nella vasta pianura tra la Sierra de Perijà e il Lago di Maracaibo.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Le temperature oscillano dai 22 gradi ai 32, con un elevatissimo tasso di umidità.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'area comprende una vasta palude tra los llanos dello Zulia occidentale e il Lago di Maracaibo, del quale copre pure un piccolo tratto di costa, nell'area sud-occidentale. Si tratta prevalentemente di un vasto territorio impantanato, senza cime di rilievo né grandi dislivelli o variazioni isometriche, alla foce del rio Catatumbo. È conosciuta in Venezuela anche come Aguas Blancas y Aguas Negras (Acque Bianche e Acque Nere) o Ciénegas Juan Manuel (Palude Juan Manuel). Nelle vicinanze c'è il porto fluviale di Encontrados, importante internodo logistico del lago di Maracaibo e del Venezuela sud-occidentale.

Airone azzurro

Flora e fauna[modifica | modifica wikitesto]

La flora è di scarsa importanza naturalistica, caratterizzata prevalentemente dallo strato erbaceo e dalle specie di palude. Qualche lembo residuo di foresta stabilmente inondata, lungo le rive del rio Catatumbo, rappresentano le ultime formazioni vegetali riparie intatte del Venezuela. La fauna acquatica è abbondante, soprattutto l'avifauna. Frequenti avvistamenti di Airone bianco (in spagnolo garza blanca), l'airone azzurro (Egretta caerulea, in spagnolo garza azul), i jabiru (Jabiru mycteria, in spagnolo garzones soldatos), anatre (patos), gabbiani, sterne e diverse specie di rapaci localmente noti come caracaras. Nonostante la ricchezza di biodiversità, non esiste nessun censimento faunistico scientificamente sistemato.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'area è conosciuta in tutto il paese per uno stranissimo fenomeno magnetico, unica località in tutto il mondo a presentare una simile peculiarità. Si tratta di una scarica elettrica insolitamente frequente che cade nelle pianure e che non dà tuono, il «Relámpago del Catatumbo»: dei fulmini cadono in continuazione e in maggior quantità rispetto al circondario, a intervalli di pochi minuti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guia ecoturista de Venezuela, Micro Popic Editor, Caracas 1997.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]