Parco del Ponte del Diavolo di Lanzo Torinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ponte del diavolo sulla Stura di Lanzo

Coordinate: 45°08′07″N 7°37′31″E / 45.135278°N 7.625278°E45.135278; 7.625278

Parco del Ponte del Diavolo di Lanzo Torinese
Tipo di area Parco regionale
Codice EUAP EUAP0224 [1]
Stati Italia Italia
Regioni Piemonte
Province TO
Comuni Lanzo Torinese
Superficie a terra 30 ha
Provvedimenti istitutivi L.R. 14 giugno 1993, n. 27 - Istituzione dell'Area attrezzata del Ponte del Diavolo e della Zona di salvaguardia della Stura di Lanzo (B.U. 23 giugno 1993, n. 25)[2]
Gestore Ente di gestione delle aree protette dell'area metropolitana di Torino

Il Parco del Ponte del Diavolo di Lanzo Torinese (Pont dël Ròch in Piemontese, letteralmente ponte di pietra) è un parco del Piemonte, situato nel territorio dell'omonimo comune.

Prende il nome dall'omonimo ponte che, secondo la leggenda, fu il diavolo in persona a costruire dopo che crolló per ben due volte. In cambio il diavolo avrebbe preso con sé l'anima del primo a transitare sul ponte, e per questo venne fatto passare un cagnolino. Il diavolo, adirandosi, avrebbe sbattuto violentemente le sue zampe sulle rocce circostanti formando le caratteristiche "Marmitte dei Giganti", ancor oggi visibili dietro la Cappella di San Rocco, all'imbocco del ponte dalla parte di Lanzo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]