Palazzo Malaspina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Palazzo Malaspina di Bobbio è un antico edificio storico del XII secolo situato nel centro storico della cittadina. Di proprietà ancora tutt'oggi dei marchesi Malaspina fu un tempo la residenza della nobile famiglia dei Monticelli.

L'entrata è in contrada Borgoratto e nei pressi vi è Piazza Fringuella, un tempo Porta Frangùle, la seconda porta di accesso alla città, oggi contraddistinta da un ampio porticato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Palazzo Malaspina era già presente nella seconda metà del XII secolo ed era la residenza della famiglia nobiliare dei Monticelli. Nella seconda metà del XVIII secolo passò alla famiglia Malaspina dopo l'estinzione della casata dei Monticelli, infatti nel 1761 morì Gian Battista Monticelli e la sua eredità andò ad Antonia Monticelli ed al marito Lodovico Malaspina.

Da documenti pare che il duca Corrado Malaspina ospitò persino Dante Alighieri all'interno del palazzo.

Esternamente il palazzo si presenta in una forma molto semplice e rustica, quasi a celare l'interno ampio, spazioso e ricco. L'edificio esternamente si presenta molto semplice e circondato da un alto muro sui quattro lati, anteriormente in contrada Borgoratto vi è la facciata con il portone d'ingresso, inserito in un semplice portale barocco con una volta in mattoni. In alto una fila di finestre ellittiche che danno luce agli interni.

All'interno il palazzo si presenta complesso, subito dopo l'entrata vi è un portico ad archi, con colonne e capitelli. Vi sono gallerie ampi cortili e le scuderie della famiglia. Il palazzo ha ricchi saloni con affreschi.

La biblioteca e l'archivio di famiglia sono molto ricchi di documenti storici e vi è inoltre la presenza del catalogo completo dei codici presenti anticamente nello Scriptorium del Monastero dell'Abbazia di San Colombano.

Le antiche cantine sotterranee sono aperte alla visita dei turisti e degli estimatori enologi.

Nel periodo estivo vi risiede il marchese Obizzo Malaspina con la famiglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • P. Coletto G.L. Olmi Bobbio ritratto di una città - Edizioni La Trebbia, Bobbio 2002
  • Michele Tosi Bobbio Guida storica artistica e ambientale della città e dintorni - Archivi Storici Bobiensi 1978
  • Bruna Boccaccia Bobbio Città d'Europa - Ed. Pontegobbo 2000 ISBN 88-86754-33-7
  • Angelo Alpegiani Le otto Parrocchie e Frammenti di Bobbio, Monumenti, edifici storici, religiosi e votivi e luoghi di interesse del comune di Bobbio - Foto A. Alpegiani - Testi storia e progetto grafico G.L. Libretti - Ed. Libreria Internazionale Romagnosi (LIR) - Bobbio 2011
  • G. Pasquali Cento anni di storia bobbiese 1903-2003, da La Trebbia - Ed. La Trebbia ed Amici di San Colombano 2003

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]