Orobia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orobia (Lombardia orientale)
Stati Italia Italia
Regioni Lombardia Lombardia
Territorio Provincia di Bergamo, Provincia di Brescia, Provincia di Cremona, Provincia di Mantova, Provincia di Sondrio.
Capoluogo Brescia
Superficie 14 829 km²
Abitanti 3 341 778 (dati ISTAT 2005)
Densità 225,4 ab./km²
Lingue Italiano, Lombardo orientale, Lombardo meridionale, Valtellinese.
Orobia.jpg
In rosso i territori alpini e prealpini orobici, in giallo l'area della Lombardia storicamente soggetta all'influenza della Repubblica di Venezia.

« In sulle mura altere
dell'Orobia città sventola il nostro
gloriosio vesillo, e al mondo insegna
che il temuto Leon pur vince e regna »

(Gioachino Rossini, Felice Romani, Bianca e Falliero, scena V.)

L'Orobia (Uròbea in dialetto lombardo orientale[senza fonte]) è una regione storica corrispondente alla parte nord-orientale della Lombardia, in corrispondenza delle Alpi Orobie; tuttavia, in ambito autonomista[1] il nome è stato usato in modo più estensivo per indicare tutto il territorio compreso tra il fiume Adda (in seguito alla Pace di Lodi del 1454 confine occidentale della Serenissima) e il confine orientale della Lombardia, spesso in contrapposizione all'Insubria, regione che comprende tra i suoi territori la Lombardia occidentale.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Orobia linguistica[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista linguistico possiamo considerare Orobia l'area in cui si parlano le varianti del Dialetto lombardo orientale, cioè la provincia di Bergamo, parte della provincia di Brescia e l'area Cremasca, sebbene nel cremasco nessun testo di storia locale utilizzi la denominazione di Orobia (Isola Fulcheria e Lago Gerundo sono i toponimi che, invece, caratterizzano tradizionalmente tali luoghi).

Dalla mera accezione linguistica resterebbero inoltre escluse dall'Orobia le attuali provincie di Cremona e Mantova, in cui si parla il lombardo meridionale, un dialetto molto vicino all'emiliano, che sono invece talvolta incluse nella più ampia definizione geografica. Così come, a nord, verrebbero escluse l'alta Val Camonica (le cosiddette Orobie bresciane, in cui si parla un dialetto lombardo affine al retoromanzo) e la Valtellina (le Orobie valtellinesi, il cui dialetto viene generalmente ascritto al lombardo occidentale.

Riferimenti storici e geografici[modifica | modifica wikitesto]

Il termine deriva dall'antica popolazione Celto-Ligure degli Orobi, stanziati in epoca preistorica nelle valli bergamasche, lecchesi e comasche.

Dal punto di vista storico essa corrisponde alla parte della Lombardia che è stata soggetta alla Repubblica di Venezia (con l'aggiunta della Valtellina).

Locuzioni più diffuse con la stessa etimologia sono "Alpi Orobie" (la sezione delle alpi tra la Valtellina e le Valli Bergamasche) e "orobico", aggettivo riferito genericamente alla provincia bergamasca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Padanian Flag of Orobia, Flags of the World, 18 luglio 2003. URL consultato il 20 agosto 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia