Oloferne (goletta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Oloferne
Oloferne 2010 rid.JPG
La goletta Oloferne in navigazione nell'estate 2010
Descrizione generale
Civil Ensign of Italy.svg
TipoVeliero
CantiereCantiere Russo di Messina
Varo1944
Caratteristiche generali
Dislocamento40 t
Lunghezza23 m
Larghezza4,5 m
Pescaggiom
PropulsioneA vela:

A motore:

voci di navi e imbarcazioni a vela presenti su Wikipedia

La Oloferne è una goletta in legno varata a Messina nel 1944[1] nei cantieri Russo. Inizialmente fu classificata come imbarcazione da lavoro e utilizzata per una ventina d'anni come imbarcazione di cabotaggio, soprattutto nelle rotte tra la Sicilia e le isole Eolie.

Nel 1975 fu utilizzato per la ripresa del film Il Conte di Montecristo di David Greene, con Tony Curtis e Richard Chamberlain. [2]

Subì poi una trasformazione in imbarcazione da diporto. Fu rifatto il piano velico, ampliata la sezione di deriva e applicata una tuga. Nel 1992 a Olbia subì un ulteriore restauro con l'intervento di manodopera specializzata proveniente da Torre del Greco.

Nel biennio 1995/96 il WWF l'ha utilizzata per il monitoraggio dell'ambiente marino e delle coste italiane.

Dal 2001 è utilizzata per attività didattiche dall'associazione La Nave di Carta[3] che diffonde la cultura della navigazione a vela come mezzo educativo per i giovani, per la prevenzione e il recupero del disagio sociale, fisico e psichico[4]. Un ulteriore restauro è stato compiuto nel 2006. Nel 2012 ha partecipato ad una iniziativa promossa da Legambiente dal titolo La rotta dei migranti [5]

È una barca d'epoca che consente l'insegnamento di tecniche di navigazione tradizionale.

L'opera viva è in fasciame tradizionale in quercia; l'opera morta in quercia e teak; la tuga in ferro con ponti in teak. Ha una stabilità tradizionale da lavoro, con stabilità di forma e zavorra in sentina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ barchedepocaeclassiche.it. URL consultato il 19 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2013).
  2. ^ barche d'epoca, su barchedepocaeclassiche.it. URL consultato il 19 maggio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2013).
  3. ^ Nave di carta
  4. ^ La Stampa
  5. ^ yaachtandsail

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]