Nova Blast

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nova Blast
videogioco
Nova Blast.png
Schermata su Commodore 64
PiattaformaColecoVision, Commodore 64, Intellivision
Data di pubblicazioneConsole: 1983
C64: 1984
GenereSparatutto a scorrimento
TemaFantascienza
SviluppoImagic
PubblicazioneImagic
IdeazioneWendell Brown
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputJoystick
SupportoCartuccia, dischetto (C64)

Nova Blast è un videogioco sparatutto a scorrimento fantascientifico, in parte simile a Defender, pubblicato dalla Imagic nel 1983 per le console ColecoVision e Intellivision e nel 1984 per il computer Commodore 64. Una conversione non ufficiale per PC Engine intitolata Hypernova Blast uscì nel 2014 per il retrogaming.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore controlla la navicella Nova 1 sopra la superficie del pianeta acquatico Hydron, dove sorgono quattro città protette da cupole che devono essere difese. La visuale è laterale con scorrimento parallattico in orizzontale in entrambi i sensi. L'area di gioco è ciclica (scorrendo a lungo in una direzione ci si ritrova al punto di partenza) e la situazione globale è mostrata in un piccolo radar alla base dello schermo.

La Nova 1 può volare in tutte le direzioni, con necessità di accelerazione e decelerazione nei movimenti orizzontali. Può sparare con il laser in orizzontale per abbattere i velivoli e i razzi nemici, e sganciare bombe verso il basso contro i bersagli di superficie.

I nemici attaccano in 8 tipi di ondate che si ripetono ciclicamente sempre più difficili. Le navicelle nemiche non sparano, ma sono pericolose al contatto; tendono ad avvicinarsi progressivamente alle città, per gettarsi infine contro di esse. Al primo scontro subìto la città perde la cupola protettiva, al secondo viene distrutta. I nemici di superficie sono i Water Walker ("camminatori acquatici"), in grado di sparare razzi contro la Nova 1 e distruggere le città direttamente se le raggiungono.

La partita termina se si perdono tutte le città o se viene distrutta la Nova 1, che ha energia per sopportare diversi colpi o scontri, ma ha una vita sola. L'energia può essere ricaricata tramite un raggio, sostando sopra le apposite stazioni sparse sulla superficie. Se la Nova 1 ha ancora molta energia, può spenderne gran parte per rigenerare temporaneamente la cupola a una città che l'ha persa. Le città distrutte vengono rigenerate solo dopo un certo numero di livelli.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nova Blast (JPG), in Videogiochi, nº 10, Milano, Gruppo Editoriale Jackson, dicembre 1983, pp. 52-54, ISSN 0392-8918 (WC · ACNP).
  • Nova Blast (JPG), in Computer Games, nº 4, Milano, Peruzzo Periodici, luglio 1984, p. 23, OCLC 955375917.
  • (EN) Nova Blast (JPG), in Electronic Fun with Computer and Games, vol. 1, nº 9, New York, Fun & Games Publishing, luglio 1983, p. 55, ISSN 0746-0546 (WC · ACNP).
  • (EN) Nova Blast, in Retro Gamer, nº 127, Bournemouth, Imagine Publishing, 27 marzo 2014, pp. 48-49, ISSN 1742-3155 (WC · ACNP).
  • (EN) Nova Blast (manuale per ColecoVision), Imagic, 1983.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi