Northland (Somalia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Northland
Northland (Somalia) - Localizzazione
Territorio a status conteso
Motivo del contenzioso Stato autonomo autoproclamato, non riconosciuto né da Somaliland né da Puntland
Situazione de facto incorporato nel Puntland l'11 gennaio 2009
Dichiarazione d'indipendenza 1º maggio 2008
Informazioni generali
Lingua somalo, arabo
Capitale/Capoluogo Las Anod
Area km²
Continente Africa
Fuso orario UTC+3
Valuta Scellino somalo
TLD .so
Prefisso tel. +252
Sigla autom. SP

Lo Stato somalo di Northland era uno Stato autonomo nelle regioni somale Sool, Sanaag e Cayn contese tra l'auto proclamata repubblica del Somaliland e gli Stati somali Puntland e Maakhir.

Né il Somaliland né il Puntland hanno riconosciuto il nuovo Stato, e neanche il "non" riconosciuto Stato di Maakhir.

Questa iniziativa è stata guidata dal clan somalo Dulbahante, un clan Harti Darod, per le stesse ragioni per cui lo Stato di Maakhir è stato dichiarato a Sanaag da Warsangeli, un altro clan Harti Darod situato nel territorio conteso tra il Somaliland e il Puntland.

Le città situate dentro i confini erano Taleex, Yagoori, Xudun e Buuhoodle. La capitale era ufficialmente Las Anod, ma poiché la città era sotto il controllo del Somaliland il parlamento del Northland non si è sempre riunito altrove.

Lo Stato Northland è stato dichiarato come tale il 1º maggio 2008[1] e si è dissolto già l'anno successivo: la partecipazione dei Dulbahante alle elezioni del Puntland dell'11 gennaio 2009 ha infatti definitivamente sancito la scomparsa del Northland, confluito in tal modo nel Puntland.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]