Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Nazli Sabri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nāzlī Ṣabrī
Nazlicoronation.jpg
Regina consorte d'Egitto
In carica 15 marzo 1922 -
28 aprile 1936
Predecessore Se stessa come Sultana consorte d'Egitto
Successore Farida Safinaz Zulficar
Sultana consorte d'Egitto[1]
In carica 26 maggio 1919 –
15 marzo 1922
Predecessore Melek Tourhan
Successore Se stessa come Regina consorte d'Egitto
Nome completo Nazli Abdurrahim Sabri
Nascita Alessandria, Khedivato d'Egitto, 25 giugno 1894
Morte Los Angeles, California, Stati Uniti, 29 maggio 1978 (83 anni)
Luogo di sepoltura Holy Cross Cemetery, Culver City, California, Stati Uniti
Padre Abdul Rahman Sabri Pasha
Madre Tawfika Sharif
Coniugi Khalil Sabri (s. 1918 - div. 1918)
Fu'ad I (s. 1919 - div. 1936)
Figli Fārūq I
Principessa Fawziya
Principessa Faiza
Principessa Faika
Principessa Fathiya
Religione Islam (dopo Cattolicesimo)

Nāzlī Ṣabri, in in arabo: نزلي صبري / نازلى صبرى‎ (Alessandria d'Egitto, 25 giugno 1894Los Angeles, 29 maggio 1978), è stata Regina dell'Egitto dal 1919 al 1936, come seconda moglie del Re Fuʾād I.

Infanzia e matrimonio con Re Fuʾād[modifica | modifica wikitesto]

Nāzlī era figlia di ʿAbd al-Raḥīm Pascià Ṣabrī, allora Ministro delle Politiche Agricole e precedentemente Direttore del Governatorato di al-Menufiyya (all'epoca chiamato "Mudīriyya di al-Menūufiyya"), e di sua moglie Tawfiqa Hanum Sharif. Era quindi nipote del Maggior generale Muhammad Sharif Pascià, Primo ministro e Ministro degli Affari Esteri, nonché padre della Costituzione egiziana. Era infine bisnipote per lato materno di Sulayman Pascià, il militare francese giunto in Egitto con Napoleone Bonaparte, poi convertitosi all'Islam per diventare uno dei più importanti esponenti militari del Khedivato.

Nāzlī con suo padre ʿAbd al-Raḥīm Pascià Ṣabrī

Nāzlī Ṣabrī frequentò le scuole del Cairo e, a causa dell'eccellenza del suo lignaggio, venne introdotta a corte fin da giovanissima.

Il 26 maggio del 1919, Nāzlī sposò S.M. Re Fuʾād I dell'Egitto, al Cairo e fu incoronata Regina. Dal loro matrimonio nacquero cinque figli:

  • S.A.R. il Principe Ereditario Fārūq
  • S.A.R. la Principessa Fawzia (futura Imperatrice dell'Iran)
  • S.A.R. la Principessa Fāyza
  • S.A.R. la Principessa Fāyka
  • S.A.R. la Principessa Fatḥiya

Confinata al Palazzo Reale per quasi tutta la durata del regno del marito, alla Regina era consentito mostrarsi in pubblico solo in occasione di eventi culturali importanti. Accompagnò Re Fuʾād durante il viaggio che intraprese nel 1927 attraverso l'Europa, e rimase molto colpita dalla Francia.
Con l'introduzione del Parlamento nel 1924, la Regina fu tra i partecipanti per l'apertura della sezione speciale della Camera.

Regina Madre dell'Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Alla morte del marito nel 1936, suo figlio Fārūq venne incoronato Re dell'Egitto, lei assunse il titolo di Regina Madre. Ma dopo una prolungata rottura dei rapporti con il figlio, Nazlī decise di lasciare l'Egitto e andare negli Stati Uniti.

La vita fuori dall'Egitto[modifica | modifica wikitesto]

Nāzlī, ricordata come una delle donne più eleganti dei suoi tempi, una volta giunta in America, si convertirà al cattolicesimo, e nel 1950, in conseguenza del battesimo cristiano, assunse il nome di Maria Elisabetta. A causa di questo gesto, ritenuto intollerabile per una ex Regina di un regno musulmano, Nāzlī venne privata di ogni onorificenza e titolo nobiliare dal figlio nell'agosto dello stesso anno. Morì a Los Angeles nel 1974.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro di Classe Suprema dell'Ordine delle Virtù - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Suprema dell'Ordine delle Virtù
— 1917[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Yunan Labib Rizk, A palace wedding, in Al-Ahram Weekly, nº 790, 13 – 19 April 2006. URL consultato il 27 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2010).
    «... Britain granted the rulers among the family the title of sultan, a naming that was also applied to their wives.».
  2. ^ Royal Ark

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina d'Egitto Successore Coat of arms of the Egyptian Kingdom 2.png
Se stessa come Sultana d'Egitto dal 1919 al 1936 Farida Safinaz Zulfikar
Controllo di autorità VIAF: (EN49139604 · ISNI: (EN0000 0000 8228 1731 · LCCN: (ENnr98010066 · GND: (DE142726206 · BNF: (FRcb16101956h (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie