Van Cleef & Arpels

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Van Cleef & Arpels
Stato Francia Francia
Fondazione 1906
Sede principale Parigi
Settore gioielleria
Prodotti gioielli, orologi, profumi
Sito web www.vancleef-arpels.com

Van Cleef & Arpels è una maison di alta gioielleria francese, che è stata fondata nel 1896 da Salomon Arpels e Alfred Van Cleef. La Maison nasce nel 1906 e ha sede al numero 22 di Place Vendôme, a Parigi.

Minaudière (1930)
Montre bracelet Cadenas (1936)
Collier Zip (1950)
Sautoir Alhambra
Collier de la collection Jardins (2008)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1896[1], Esther Arpels, figlia di Salomon Arpels, mercante di pietre preziose, sposa Alfred Van Cleef, discendente da una famiglia che commercia filati residente nel 19º arrondissement di Parigi. Lo stesso anno, Alfred Van Cleef e Salomon Arpels avrebbero fondato una società che aveva per obiettivo « la creazione e la valorizzazione della gioielleria e dell’orologeria». Nel 1906, depositano il marchio « Van Cleef & Arpels » e aprono una boutique al 22 di place Vendôme. Anche i fratelli di Esther, Salomon Arpels detto Charles, Jules Arpels e Louis Arpels lavoreranno nell’azienda. Alfred Van Cleef morirà nel 1938 lasciando una figlia, Rachel detta Renée Puissant. Fra il 1909 ed il 1939, Van Cleef & Arpels apre le prime boutique presso i luoghi di villeggiatura: Deauville, Le Touquet, Nizza e Monte-Carlo.

La seconda generazione entra progressivamente nella Maison. Nel 1939 molti membri della famiglia Arpels fuggono in America e aprono una boutique a New York nel 1942, sulla Quinta Strada, boutique tuttora esistente. Più tardi, l’azienda sarà la prima Maison di alta gioielleria francese a sbarcare dapprima in Giappone nel 1974, poi in Cina (Shanghai) nel 1994. Per decenni la Maison sarà sempre diretta dai discendenti della famiglia Arpels, fino all’acquisizione nel 1999 da parte della Compagnie Financière Richemont S.A.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 19° arrondissement di Parigi.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]