NGC 14

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NGC 14
Galassia irregolare
NGC 14.jpg
NCG 14 (Hubble Legacy Archive)
Scoperta
ScopritoreJohn Frederick William Herschel
Data1786
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazionePegaso
Ascensione retta00h 08m 46,4s
Declinazione15° 48′ 59″
Coordinate galattiche108,1249; -45,8262[1]
Distanza41.748.944,1 a.l. [2]
(12.800.000 pc)
Magnitudine apparente (V)12,5
Dimensione apparente (V)1,995' × 1,349'[3]
Redshift0,002885[4]
Luminosità superficiale14,3
Angolo di posizione25°
Velocità radiale865 ± 1 km/s
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia irregolare
Classe(R)IB(s)m pec
Altre designazioni
UGC 75, MCG+03-01-026, Arp 235, CGCG 456.034, PGC 647, H II-591, h 3, GC 7, VV 80
Mappa di localizzazione
NGC 14
Pegasus IAU.svg
Categoria di galassie irregolari

Coordinate: Carta celeste 00h 08m 46.4s, +15° 48′ 59″

NGC 14 è una galassia irregolare visibile nella costellazione di Pegaso.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

A causa della sua bassa luminosità superficiale è difficilmente visibile con piccoli telescopi amatoriali e per essere vista necessita di telescopi più potenti, da almeno 30 cm (12 inch).[5] La si può trovare a circa 1 grado nord-ovest da γ Persei,[5] tra γ Persei stessa e NGC 7814.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Vizier Detailed page, su vizier.u-strasbg.fr. URL consultato il 30 giugno 2010.
  2. ^ (EN) Distance Results for NGC 0014, su NASA/IPAC Extragalactic Database. URL consultato il 3 maggio 2010.
  3. ^ (EN) NGC 14, su server9.wikisky.org. URL consultato il 30 giugno 2010.
  4. ^ (EN) NASA/IPAC Extragalactic Database, su Results for NGC 0014. URL consultato il 30 giugno 2010.
  5. ^ a b (EN) The First 30 NGC objects, su astrobuysell.com. URL consultato il 30 giugno 2010.
  6. ^ (EN) Small Wonders: Pegasus, su cloudynights.com. URL consultato il 30 giugno 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) C. J. Lada, N. D. Kylafits, The Origin of Stars and Planetary Systems, Kluwer Academic Publishers, 1999, ISBN 0-7923-5909-7.
  • A. De Blasi, Le stelle: nascita, evoluzione e morte, Bologna, CLUEB, 2002, ISBN 88-491-1832-5.

Carte celesti[modifica | modifica wikitesto]

  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0 - Volume I & II, Richmond, Virginia, USA, Willmann-Bell, inc., 1987, ISBN 0-943396-15-8.
  • Tirion, Sinnott, Sky Atlas 2000.0 - Second Edition, Cambridge, USA, Cambridge University Press, 1998, ISBN 0-933346-90-5.
  • Tirion, The Cambridge Star Atlas 2000.0, 3ª ed., Cambridge, USA, Cambridge University Press, 2001, ISBN 0-521-80084-6.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari