Monte Ontake

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Ontake
Kiso Ontake.jpg
StatoGiappone Giappone
RegioneHonshū
PrefetturaNagano e Gifu
Altezza3 067 m s.l.m.
Prominenza1 712 m
Ultima eruzione2014
Ultimo VEI3 (vulcaniana)
Codice VNUM283040
Coordinate35°53′34″N 137°28′49″E / 35.892778°N 137.480278°E35.892778; 137.480278Coordinate: 35°53′34″N 137°28′49″E / 35.892778°N 137.480278°E35.892778; 137.480278
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Giappone
Monte Ontake
Monte Ontake

Il monte Ontake (御嶽山 Ontake-san?) è un vulcano che si trova sull'isola di Honshū, al confine tra le prefetture di Nagano e Gifu, Giappone[1], circa 100 km a nord est di Nagoya e circa 200 km a ovest di Tokyo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È il secondo vulcano più alto del Giappone, con un'altezza massima di 3.067 metri sul livello del mare, secondo solamente ai 3.776 metri del Fuji[2]. Da diversi secoli è considerato dai giapponesi una montagna sacra[3].

Eruzioni[modifica | modifica wikitesto]

È stato considerato inattivo fino all'ottobre del 1979, quando una serie di eruzioni causò la fuoriuscita di circa 200.000 tonnellate di cenere[4]. Ci sono state eruzioni più lievi nel 1991 e nel 2007. Il 27 settembre 2014 un'eruzione particolarmente forte ha provocato cinquantasette morti e sei dispersi[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Max Wyss, Kunihiko Shimazaki e Akihiko Ito, Seismicity Patterns, Their Statistical Significance and Physical Meaning, Springer Science & Business Media, 1º agosto 1999, p. 33, ISBN 978-3-7643-6209-6.
  2. ^ (EN) Richard Ryall, Craig McLachlan e David Joll, Hiking in Japan, Lovely Planet, 2009, p. 123, ISBN 978-1-74104-072-2.
  3. ^ (EN) Ontake Shinkō, su eos.kokugakuin.ac.jp. URL consultato il 28 agosto 2017.
  4. ^ Giappone: erutta il vulcano Ontake, si contano un morto e oltre 30 feriti gravi, in TGcom24, 27 settembre 2014. URL consultato il 28 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  5. ^ (EN) Ontake victims mourned a month after eruption as tourism industry scrambles to recover, in Japan Times, ottobre 2014. URL consultato il 29 agosto 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN260257287 · LCCN (ENsh85094819 · WorldCat Identities (EN260257287