Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Monorotaia di Ōsaka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monorotaia di Ōsaka
Osaka monorail logo.png
Nome originale大阪モノレール
InizioAeroporto Internazionale di Ōsaka
FineKadoma-shi
Stati attraversatiGiappone
Lunghezza28,0 km
Apertura1990
GestoreOsaka Monorail Co., Ltd
ScartamentoMonorotaia
Elettrificazione1500V DC
DiramazioniLinea Saitō
Note2 linee, 18 stazioni
Ferrovie

La monorotaia di Ōsaka (大阪モノレール Ōsaka Monorēru?) è una monorotaia in servizio nella zona a nord di Osaka, in Giappone. Collega l'Aeroporto Internazionale di Osaka situato a Itami, Hyōgo, alla città di Kadoma, nella zona orientale della Prefettura di Osaka. È in previsione l'estensione della linea verso oriente con le due nuove stazioni di Chūbu e Higashi Center.

Con i suoi 28 km di estensione, la linea è stata iscritta al Guinness dei primati come la più lunga monorotaia del mondo, ma la sua lunghezza è stata superata dalla linea 3 della metropolitana di Chongqing, in Cina, una monorotaia lunga 39,1 km completata il 30 dicembre 2011.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un convoglio in transito

L'area metropolitana di Osaka ha da sempre una struttura urbanistica convergente verso il centro della città, e la disposizione delle linee ferroviarie e metropolitane è pertanto influenzata da questa centralità della città, con diverse linee radiali che si collegano alla periferia. Negli anni sessanta si iniziò a sentire l'esigenza di migliorare i collegamenti tangenziali anche delle città periferiche per migliorare anche le condizioni di traffico, e per questo nacque l'idea di realizzare un sistema di trasporto pubblico di massa esterno al centro di Osaka.[1]

Uno dei catalizzatori alla realizzazione della nuova linea fu l'Expo 1970, per il quale furono realizzati nuovi collegamenti per portare i viaggiatori alla sede dell'esposizione. Il progetto iniziale vedeva una linea di 26,1 km di lunghezza che collegasse la linea Hankyū Senri a nord con la linea principale Kansai a sud, con estensioni future nelle città di Sakai e Nishinomiya.

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Linea principale[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le stazioni si trovano nella prefettura di Osaka.

Codice Stazione Giapponese Distanza (km) Collegamenti Posizione
11 Aeroporto Internazionale di Osaka 大阪空港 0.0   Toyonaka
12 Hotarugaike 蛍池 1.4 Ferrovie Hankyū: Linea Takarazuka
13 Shibahara 柴原 3.1  
14 Shōji 少路 4.8  
15 Senri-Chūō 千里中央 6.6 Ferrovia Kita-Ōsaka Kyūkō
16 Yamada 山田 8.5 Ferrovie Hankyū: Linea Senri Suita
17 Bampaku-kinen-kōen 万博記念公園 9.9 Monorotaia di Osaka Linea Saito
18 Unobe 宇野辺 12.1   Ibaraki
19 Minami Ibaraki 南茨木 13.3 Ferrovie Hankyū: Linea Kyōto
20 Sawaragi 沢良宜 14.5  
21 Settsu 摂津 16.0   Settsu
22 Minami Settsu 南摂津 17.8  
23 Dainichi 大日 19.9 Metropolitana di Osaka Linea Tanimachi Moriguchi
24 Kadoma-shi 門真市 21.2 Ferrovie Keihan Linea principale Keihan Kadoma

Diramazione Saito[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le stazioni si trovano nella prefettura di Osaka.

Codice Stazione Giapponese Distanza (km) Collegamenti Posizione
17 Bampaku-kinen-kōen 万博記念公園 0.0 Monorotaia di Osaka linea principale Suita
51 Kōen-higashiguchi 公園東口 1.1  
52 Handai-byōin-mae 阪大病院前 2.6   Ibaraki
53 Toyokawa 豊川 4.2  
54 Saito-nishi 彩都西 6.8  

Progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

Sin dall'inizio la monorotaia era prevista a collegare l'Aeroporto Internazionale di Osaka con la città di Sakai percorrendo un tracciato in comune con il raccordo anulare di Osaka. Come da progetto, entro il 2005 è stata completata la prima fase fino alla stazione di Kadoma-shi[2]. Si prevede di continuare l'estensione fino a Sakai, offrendo anche l'interscambio con le ferrovie Kintetsu entro il 2050[3]. Inoltre, sulla linea Saito, a mano a mano che lo sviluppo delle nuove edificazioni avanzerà, si prevede di aggiungere due nuove stazioni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 大阪モノレール建設記録 大阪府土木部 大阪高速鉄道株式会社 1990年6月発行
  2. ^ Progetto del 1989
  3. ^ Mainichi Shinbun: estensione a Sakai della metropolitana, 16 marzo 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]