Mitologia anglosassone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lastra frontale di Franks Casket del VII secolo, raffigurante Weland il fabbro

Con mitologia anglosassone si intende l'insieme di credenze e pratiche religiose diffuse tra le civiltà degli anglosassoni tra il V e l'VIII secolo, durante il Medioevo inglese[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli anglosassoni, composti da tribù degli Angli, Sassoni, Frisoni e Juti, arrivarono in Gran Bretagna dalla Scandinavia meridionale, dai Paesi Bassi e dalla Germania settentrionale, che furono i fautori della moderna lingua inglese (Angle-ish)[1]. Possiamo comprendere la mitologia anglosassone grazie allo studio della mitologia norrena. Importante è l'esempio dell'Edda in prosa, scritta da Snorri Sturluson attorno al 1220, poiché l'Islanda è rimasta pagana fino all'era cristiana (1000 c.). I norvegesi, gli islandesi e gli inglesi condividevano certamente una discendenza comune nella Danimarca del VI secolo. Gli anglosassoni erano una società in gran parte analfabeta e i racconti venivano trasmessi oralmente dai menestrelli anglosassoni, gli scop, sotto forma di versi[2].

Fonti scritte[modifica | modifica wikitesto]

Uno delle principali fonti che ci sono pervenute, sono di Beda il Venerabile, un monaco cristiano, autore del De temporum ratione. Anche il poema epico Beowulf è un'importante fonte di poesia e storia pagana anglosassone, ma è chiaramente indirizzato a un pubblico cristiano, contenente numerosi riferimenti al Dio cristiano, e usando il fraseggio e la metafora cristiana. Il mostro Grendel, per esempio, è descritto come un discendente di Caino[3]. In effetti, l'unico frammento di poesia risalente all'era pagana che non ha subito modifiche da editori cristiani è il Frammento di Finnsburgh[4].

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Gli anglosassoni credevano in creature soprannaturali come elfi, nani e giganti ("Etins") che spesso disturbavano gli uomini, probabilmente nel Wyrd ("werden" tedesco), di solito tradotto come "destino"[1].

Divinità[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Asi (mitologia) e Vani (mitologia).
Anglosassone Alto tedesco antico Lingua germanica
Woden Wodan/Wotan Odino
Thunor Donar Thor
Tíw Zîu Týr
Seaxnéat Saxnôte -
Géat Gausus Gautr
Fríge Freia Frigg
Éostre Ôstara forse Iðunn
Ing - Yngvi-Freyr
Baldaeg Baldere Baldr
Hama Heime Heimdallr
Neorth - -
Eorthe - -
- - Eostre
Niht - -
Sigel - -

Eroi e guerrieri[modifica | modifica wikitesto]

Pratiche religiose[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Anglosassoni, in Enciclopedia dei ragazzi, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2005-2006. URL consultato il 1º ottobre 2018.
  2. ^ Christopher Upward e George Davidson, The History of English Spelling, Chichester, John Wiley & Son, 2011, ISBN 140519023X.
  3. ^ Séamus Heaney, Beowulf, Farrar Straus & Giroux, 2000, ISBN 9780374111199.
  4. ^ AION Sez Germanica Filologia germanica XXIV (1981) (PDF), su sebinaol.unior.it.