Mimmo Lucà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mimmo Lucà

Segretario della Camera dei Deputati
Durata mandato 8 maggio 2008 –
20 marzo 2013
Presidente Gianfranco Fini

Presidente della XII Commissione (Affari Sociali) della Camera dei Deputati
Durata mandato 6 giugno 2006 –
8 maggio 2008
Presidente Fausto Bertinotti
Predecessore Giuseppe Palumbo
Successore Giuseppe Palumbo

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature - XII

- XIII

- XIV

- XV

- XVI

Gruppo
parlamentare
XII:

Progressisti - Federativo

XIII e XIV:

Democratici di Sinistra-L'Ulivo

XV:

Partito Democratico-L'Ulivo

XVI:

Partito Democratico

Coalizione XII:

Alleanza dei Progressisti

XIII e XIV:

L'Ulivo

XV:

L'Unione

XVI:

PD-IdV

Circoscrizione Piemonte 1
Collegio XIII e XIV:

14-Rivoli

Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico (Dal 2007)

In precedenza:

Partito Democratico della Sinistra (1994-1999)

Democratici di Sinistra (1999-2007)

Titolo di studio Laurea in scienze politiche
Professione Dirigente di associazione

Mimmo Lucà, all'anagrafe Domenico Lucà (Gioiosa Ionica, 16 giugno 1953), è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureato in scienze politiche; dopodiché è stato funzionario della regione Piemonte, vive infatti a Rivalta (TO), occupandosi di sanità. È un dirigente delle ACLI; ne è stato vice presidente nazionale, responsabile nazionale del Patronato, e oggi è membro del Consiglio Nazionale. Torino ha fondato il Tribunale per i diritti del malato, e ha coordinato tale istituzione fino al 1987.

Diventa deputato, per la prima volta, nel 1994, in rappresentanza del PDS, ed è rieletto per altre quattro volte consecutive. È sempre stato eletto nella Provincia di Torino. È stato membro della Direzione nazionale dei Democratici di Sinistra, oltre che segretario del movimento dei Cristiano Sociali. Aderisce al Partito Democratico.

Lucà è stato intercettato nel 2011 durante due telefonate con l'esponente della 'ndrangheta Salvatore Demasi durante le quali ha chiesto sostegno a favore di Piero Fassino per le elezioni primarie del partito democratico volte a scegliere il candidato sindaco di Torino.[1][2]

Secondo Lucà, tale telefonata fu fatta senza minimamente sospettare che il suo interlocutore appartenesse alla criminalità organizzata[3]. Non è coinvolto negli aspetti giudiziari della vicenda.

Incarichi legislativi[modifica | modifica wikitesto]

Nella XII Legislatura è stato membro della Commissione Lavoro pubblico e privato e della Commissione di controllo sull'attività sugli Enti previdenziali. Nella XIII Legislatura è stato vice presidente del Gruppo DS - Ulivo; è stato nuovamente membro della Commissione Lavoro pubblico e privato, ed è stato membro della Commissione Affari sociali e della Commissione speciale per l'esame dei disegni di legge recanti misure per la prevenzione e la repressione dei fenomeni di corruzione. Nella XV Legislatura è Presidente della Commissione Affari Sociali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]