Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Millenario della Russia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 58°31′14″N 31°16′30″E / 58.520556°N 31.275°E58.520556; 31.275

Il Millenario della Russia (1862), con la Cattedrale di Santa Sofia sullo sfondo. La fila superiore di personaggi è fusa a tuttotondo, mentre la fascia inferiore è in rilievo.

Il Millenario della Russia è un monumento in bronzo posto all'interno del Cremlino di Velikij Novgorod. Fu eretto nel 1862 per celebrare i mille anni dall'arrivo di Rurik (in russo: Рюрик?) a Novgorod, l'evento tradizionalmente considerato come il punto di partenza della storia russa.

Nel 1859 venne indetto il concorso per la progettazione dell'opera, del furono dichiarati vincitori l'architetto Viktor Aleksandrovič Hartmann (in russo: Виктор Александрович Гартман?) e dall'artista Mikhail Osipovich Mikeshin (in russo: Михаи́л О́сипович Мике́шин?). I disegni di Mikeshin suggerivano una grandiosa campana, alta 15 metri, coronata da una croce, simbolo del potere dello zar. La campana sarebbe poi stata decorata con diversi livelli di sculture rappresentanti monarchi, ecclesiasti, generali ed artisti russi attivi nel corso dei secoli della storia della nazione. MIkeshin non era uno scultore, sicché la realizzazione delle 129 stature che compongono il monumento fu affidata ai principali scultori russi dell'epoca, tra cui si contavano l'amico Ivan Schroeder e il già all'epoca celebre Alexander Mikhailovich Opekushin (in russo: Александр Михайлович Опекушин?).

Francobollo russo. 1140simo Anniversario della Fondazione della Russia (2002).

Cosa piuttosto insolita per un monumento ufficiale, gli zar e i comandanti vennero raffigurati spalla a spalla con sedici eminenti personalità della cultura russa: Michail Vasil'evič Lomonosov (in russo: Михаил Васильевич Ломоносов?), Aleksandr Sergeevič Puškin (in russo: Александр Сергеевич Пушкин?), Michail Jur'evič Lermontov (in russo: Михаил Юрьевич Лермонтов?), Nikolaj Vasil'evič Gogol' (in russo: Никола́й Васи́льевич Го́голь?), Karl Pavlovič Brjullov (in russo: Карл Павлович Брюллов?), Michail Ivanovič Glinka (in russo: Михаил Иванович Глинка?) e molti altri.

Tra i grandi condottieri russi, è famosa l'assenza di Ivan il Terribile dal monumento a causa del ruolo da lui svolto durante il sacco di Novgorod del 1570 ed il conseguente massacro da parte dell'Opričnina (in russo: Опричнина?). Insieme ai principi moscoviti sono invece presenti i Granduchi di Lituania di epoca medioevale come Gediminas o Vitoldo, che regnò sugli Slavi orientali nelle terre delle attuali Bielorussia e Ucraina.

Moneta celebrativa coniata in URSS nel 1988.

Si trattò del più costoso monumento mai eretto in Russia all'epoca, ed era costato 400.000 rubli, la maggior parte dei quali raccolti tramite pubbliche sottoscrizioni. Al fine di provvedere ad un adeguato piedistallo per l'imponente scultura, sedici blocchi di granito di Sortavala (in russo: Сортавала?) furono portati in città, ognuno del peso di oltre 35 tonnellate. Il monumento bronzeo stesso pesa ulteriori 65 tonnellate.

All'epoca dell'inaugurazione numerosi critici d'arte appuntarono un sovraccarico figurativo nel gruppo statuario. I sostenitori invece ricondussero il disegno di Mikeshin alla configurazione medievale del Cremlino ed alla sintonia con la grandiosità e la verticalità della vicina Cattedrale di Santa Sofia.[1]

Durante la Seconda guerra mondiale i Nazisti smantellarono il monumento e prepararono il suo trasferimento in Germania. L'Armata Rossa riuscì comunque a riprendere per tempo il controllo sulla città, ed il monumento venne restituito alla cittadinanza già durante il 1944. Nel 1988 una moneta da 5 rubli dell'allora Unione Sovietica fu coniata per commemorare il monumento.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aleksandr Ignat'evich Semenov. Pamiat' 1000 letiu Rossii v Novgorodskom Kremle (Novgorod: Gazeta "Novgorodskaia Pravda", 1960).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]