Michele Mezza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Michele Mezza (Nola, 17 maggio 1953) è un giornalista, saggista e docente universitario italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Giurisprudenza all'Università Statale di Milano, negli anni 1974-75 segue un corso biennale presso la Scuola Superiore di Economia Politica diretta da Claudio Napoleoni. È giornalista professionista dal 1978.

Attività giornalistica[modifica | modifica wikitesto]

Michele Mezza è un giornalista, in pensione dalla RAI dal gennaio 2015. È stato inviato del GR in Unione sovietica, attività per la quale ha ricevuto il premio Calabria nel 1993. Sempre per Radio Rai è stato inviato sul teatro delle Guerre jugoslave degli anni novanta, attività per la quale ha ricevuto il Premio Oscar della Radio per il documentario radiofonico nel 1994.

Nel 1997, insieme a Luciano Lanna e Antonio Satta, è stato uno degli autori dello speciale di RaiDue "1977: l'anno che non finì".

Nel 1998, ha curato e realizzato il progetto, da lui ideato, per la creazione di Rainews24, il primo canale televisivo all-news della televisione italiana, del quale è stato vice-direttore.

È attualmente docente di Marketing e new media, presso il dipartimento di Scienze Sociali dell'Università Federico II di Napoli.

Saggistica e insegnamento universitario[modifica | modifica wikitesto]

È uno studioso di giornalismo, nuovi mass media, tecnologie digitali, multimedialità e internet, argomenti sui quali è autore di saggi e di contributi per varie testate giornalistiche: Limes, Problemi del Giornalismo, il manifesto, l'Unità, aprile, Reset.

Dapprima titolare del corso di Teoria e tecnica dei nuovi media all'Università di Perugia, insegna poi Tecnologie multimediali all'Università La Sapienza di Roma. Da gennaio 2003 tiene un corso di giornalismo all'Università di Roma Tor Vergata e per un master su Giornalismo multimediale all'Istituto Suor Orsola Benincasa di Napoli. Dal marzo 2015 diventa titolare del corso di Marketing e new media presso la facoltà di Culture digitali e della comunicazione dell'Università degli studi di Napoli Federico II.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Da URSS a Rus, STET Edizioni, 1992
  • (con Edoardo Fleischner e Pierluigi Boda) Internet: la madre di tutte le TV. Il progetto RaiNews 24, Rai Eri, 2000
  • (coautore di testi e allestimento), Memoria Ribelle, performance teatrale al Teatro Nuovo di Napoli
  • Media senza mediatori. Appunti e spunti sulla comunicazione di convergenza, Morlacchi editore, Perugia, 2003
  • (con Lisa Difeliciantonio), Switch over. Scenari e obiettivi della TV al tempo del digitale terrestre, Guerini Editore, Milano, 2004
  • Mediasenzamediatori.org, Morlacchi editore, Perugia, 2005
  • Gli uomini dietro gli specchi. Percorsi e scorciatoie nei media senza mediatori, Morlacchi, 2007
  • Obama.net. New media, new politics? Politica e comunicazione al tempo del networking, Morlacchi, 2009
  • Sono le news, bellezza! Vincitori e vinti nella guerra della velocità digitale, prefazione di Derrick de Kerckhove, Donzelli editore, 2011
  • Avevamo la Luna,L'Italia del miracolo sfiorato vista 50 anni dopo. Donzelli editore. Roma 2013
  • Giornalismi nella rete, per non essere sudditi di Facebook e Google. Prefazione di Giulio Anselmi.Donzelli editore. Roma, 2015

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN65811998 · ISNI (EN0000 0004 4242 2914 · LCCN (ENn2001018981 · GND (DE140857648 · BNF (FRcb16031417p (data) · WorldCat Identities (ENviaf-65811998