Luciano Lanna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Luciano Lanna (Valmontone, 7 dicembre 1960) è un giornalista italiano, che è stato, nel 2004, vicedirettore del quotidiano L'Indipendente e, tra il 2006 e il 2011, direttore responsabile del Secolo d'Italia. Attualmente è direttore responsabile della rivista Il Pensiero storico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia (II Università di Roma-Tor Vergata, 1985), è giornalista professionista dal 1992 (vincitore del Premio Lucini, assegnatogli per aver conseguito il miglior risultato - "menzione di lode" - della sua sessione all'esame per entrare nell'albo dei giornalisti professionisti. Nel triennio 2019-2022 ha frequentato un corso di dottorato di ricerca (PhD) in Scienze filosofico-sociali nella II Università di Roma-Tor Vergata. Discute la tesi nel marzo 2023.

Nel 1995 è stato assunto come redattore capo a L'Italia settimanale di cui poi è diventato condirettore con Pietrangelo Buttafuoco alla direzione. Successivamente, Domenico Mennitti (già suo direttore, tra il novembre 1991 e l'ottobre 1992, al quotidiano Roma di Napoli, dove Lanna era responsabile delle pagine di cultura e spettacolo) l'ha chiamato al bimestrale di cultura politica Ideazione, dove nel 2001 è stato nominato caporedattore. Nell'estate del 1996 ha condotto insieme a Piergiuseppe Caporale una trasmissione quotidiana di musica jazz e cultura a RadioDue Rai. Nel 1997 è stato uno degli autori, con Michele Mezza e Antonio Satta, dello speciale di RaiDue 1977: l'anno che non finì.

Nel 2003 è passato al L'Indipendente, dove è stato vicedirettore con Giordano Bruno Guerri alla direzione del quotidiano. Nel 2004 è tornato al Secolo d'Italia, dove nel 1990-1991 aveva già svolto il praticantato sotto la direzione di Giano Accame, stavolta con il ruolo di caporedattore. Nel maggio 2006 ne è diventato direttore responsabile, con Flavia Perina direttore politico. Sempre nel 2006 ha firmato una trasmissione di RaiTre su Leo Longanesi per la regia di Francesco Linguiti, andata in ondo l'8 gennaio 2007. Nel 2011 un suo articolo (Noi, cresciuti con le canzoni di Guccini) è stato pubblicato nel libro Un anno in prima pagina (Nutrimenti edizioni), che raccoglieva quelli che sono stati considerati i migliori articoli del 2010. Il 18 aprile 2011 ha lasciato il quotidiano Secolo d'Italia. Nel 2012 ha firmato insieme a Francesco Linguiti 1943-1945-Si salvi chi può!, puntata de La grande storia andata in onda su Rai Tre il 27 luglio dello stesso anno

Dal 2009 ha collaborato con i quotidiani Il Foglio, Europa e il Garantista, con l'agenzia di stampa Adnkronos, con il periodico on line Libertiamo, con il settimanale e poi mensile Il Futurista, con le riviste OutLet, Rivista di Politica e Start Magazine.

Dal 1º settembre 2013 al giugno 2014 ha lavorato in qualità di autore nella redazione della trasmissione 2Next di Rai2. Ha collaborato con Rai3 ai programmi del ciclo La grande storia. Dal luglio 2016 al marzo 2019 ha collaborato con il quotidiano Il Dubbio (fondato e diretto da Piero Sansonetti) occupandosi di cultura, dibattito delle idee, immaginario. Nel trimestre dicembre 2019-marzo 2020 ha collaborato come autore col programma "Linea bianca" di Rai Uno.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Direttore del Secolo d'Italia Successore
Flavia Perina marzo - aprile 2011 Marcello de Angelis
Controllo di autoritàVIAF (EN90276041 · ISNI (EN0000 0003 5550 0793 · SBN PUVV266155 · LCCN (ENnr2004002257 · WorldCat Identities (ENlccn-nr2004002257