Michael Dell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michael Dell

Michael Saul Dell (Houston, 23 febbraio 1965) è un imprenditore statunitense.

Fondatore e CEO della Dell, Inc., un'azienda tra i leader mondiali nel settore delle forniture hardware per computer, nell'ottobre del 2015 rileva per 67 miliardi di dollari la EMC Corporation, gigante americano di servizi informatici per le imprese.[1] Con questa operazione di fusione, perfezionata nel settembre 2016, nasce Dell Technology, un colosso mondiale nella tecnologia dell'informazione. Secondo Forbes, al 24 maggio 2022, risulta essere uno degli uomini più ricchi al mondo, con un patrimonio stimato di 52,4 miliardi di dollari.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È figlio di un dentista, Alexander Dell, e di un'agente di cambio, Lorrane Charlotte Lafgen. All'età di sette anni ha il suo primo calcolatore, a quindici anni il suo primo computer, un Apple II, che disassembla e poi ricostruisce.[3] Dopo le scuole elementari alla Herod Elementary, studia al Memorial High School di Houston dove non brilla per i risultati scolastici. D'estate fa qualche lavoretto, dal lavapiatti alla vendita di abbonamenti per lo Houston Post. Preso il diploma, va alla University of Texas, a Austin, Texas, con l'intento di diventare un medico; i suoi compagni giocano a basket o a football americano, lui passa invece il tempo a risolvere con alcuni amici enigmi ricorrendo alla matematica. Nel 1984, l'anno del lancio del Mac da parte di Steve Jobs, incomincia a vendere fuori dal suo dormitorio universitario i primi kit di aggiornamento per PC e fonda anche, con mille dollari in tasca, la sua prima società, la PC's Limited.

All'inizio il business è semplice: installa gli hard disk drive nei computer IBM dove non c'erano. Così, racconterà, "li compravamo per tremila dollari e li vendevamo per quattromila con il drive installato".[4] Già il primo anno gli affari superano i cinquantamila dollari; Michael abbandona così l'università per proseguire l'attività con la PC's Limited e affitta come sede una stanza in un condominio. In seguito trasferisce la sede in un centro commerciale a North Austin con uno staff di tre ragazzi e ribattezza la società Dell. Nel 1996 lancia i suoi primi server e comincia a vendere sul web; nel 2001 la quota di mercato della Dell è già del 12,8%.

Nel 1999 Michael fonda MSD Capital LP per gestire gli investimenti della famiglia: titoli quotata in Borsa, immobili, attività di private equity. Con il tempo l'azienda impiegherà ottanta dipendenti con uffici a New York, Santa Monica e Londra.

Nel febbraio del 2013 Michael compie sulla Dell un'operazione di leveraged buyout insieme al fondo di investimenti Silver Lake Partners, a un consorzio di istituti di credito e a un finanziamento aggiuntivo di Microsoft.[5] Il 30 ottobre dello stesso anno l'azienda passa da società pubblica a privata.[6]

Nel 2016 la Dell, diventata Dell Technologies[7] dopo l'acquisizione e la fusione con Emc Corporation, ha 101.000 dipendenti e ricavi per 54,9 miliardi di dollari.[8] Quartier generale a Round Rock, nel Texas.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Michael Dell è sposato con Susan e ha quattro figli (tre femmine e un maschio): Kira, Alexa, Juliette e Zachary.

Insieme alla moglie ha dato vita a una fondazione, la Michael & Susan Dell Foundation, che negli ultimi tempi ha fatto parlare di sé per una donazione di 60 milioni di dollari all'University of Texas di Austin.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Dell compra EMC per 67 miliardi di dollari, è record, su ansa.it. URL consultato il 17 gennaio 2018.
  2. ^ Michael Dell Profile, su Forbes. URL consultato il 6 maggio 2022.
  3. ^ Michael Dell e Catherine Fredman, Direct from Dell: Strategies that Revolutionized an Industry, HarperBusiness, 1999, pp. 6–7.
  4. ^ L'Economia del Corriere della Sera, Intervista a Michael Dell da parte di Massimo Sideri, 11 settembre 2017.
  5. ^ (EN) Dell Enters Into Agreement to Be Acquired By Michael Dell and Silver Lake, su dell.com, Dell, 5 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2016).
  6. ^ (EN) Michael J. De La Merced, Sale of Dell Closes, Moving Company Into Private Ownership, in The New York Times, 29 ottobre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  7. ^ Brian Womack, Dell, EMC Set to Complete Merger on Sept. 7 in Biggest Tech Deal, in Bloomberg.com, 30 agosto 2016. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  8. ^ (EN) America's Largest Private Companies, su forbes.com, Forbes. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  9. ^ Ralph K.M. Haurwitz, Dell family foundation to donate $60 million for UT medical school, local health care, Austin American-Statesman, 30 gennaio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Michael Dell, Catherine Fredman, Direct from Dell: Strategies that Revolutionized an Industry, HarperBusiness, 1999. ISBN 0-88730-914-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN116590276 · ISNI (EN0000 0000 8413 3556 · LCCN (ENn98104308 · GND (DE121279243 · BNF (FRcb13538982n (data) · J9U (ENHE987007359969005171 · NDL (ENJA00745534 · WorldCat Identities (ENlccn-n98104308
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie