Dell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dell Inc.
Logo
RR1- Dell Campus.jpg
La sede di Dell a Round Rock, in Texas.
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Società privata
Fondazione 1º febbraio 1984 a Austin
Fondata da Michael Dell
Chiusura 7 settembre 2016 (fusione con EMC Corporation)
Sede principale Round Rock
Persone chiave
Settore
Prodotti
Fatturato Red Arrow Down.svg $ 54,9 miliardi[1] (2016)
Dipendenti 101 800[1] (2016)
Slogan «The power to do more»
Sito web www.dell.com
La sede di Dell.

La Dell Inc. (stilizzato DELL) è stata una multinazionale statunitense, tra le più importanti al mondo nella produzione di personal computer e di sistemi informatici con sede a Round Rock, nel Texas. Secondo i dati del 2016, impiegava circa 101 800 dipendenti in tutto il mondo per un fatturato totale di 54,9 miliardi di dollari.[1]

Il 5 febbraio 2013 Dell ha annunciato un leveraged buyout del fondatore Michael Dell e Silver Lake Partners con un finanziamento aggiuntivo di Microsoft.[2] Il 30 ottobre dello stesso anno, l'azienda viene trasferita da società pubblica a privata.[3]

Il 12 ottobre 2015 viene annunciata l'acquisizione di EMC Corporation da parte di Dell per la cifra di 67 miliardi di dollari[4]; a seguito di questa operazione il 7 settembre 2016 nasce Dell Technologies.[5]

Dell è stata anche presente sul mercato di altri prodotti informatici, quali server, storage, tablet e software. A seguito dell'acquisizione di Quest Software e altre aziende operanti nel software (KACE, Credant, AppAssure, Boomi) e sicurezza (Sonicwall) nel 2012 è stata creata una divisione denominata Dell Software con presidente John A. Swainson. Nel 2016 è stata annunciata la vendita della divisione ad un fondo di investimenti.[6]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il modello di business[modifica | modifica wikitesto]

La singolarità di Dell, sin dalla sua costituzione ad opera del fondatore Michael Dell, è stata quella di non proporre modelli prestabiliti, ma lasciare al cliente la più ampia libertà di personalizzazione. Di fatto si tratta di un assemblato di marca.

Dovendo assemblare gli elaboratori sulla specifica richiesta del cliente, Dell non ha mai utilizzato una rete di rivenditori, preferendo il contatto diretto con il cliente finale.

Se nei primi anni questo si realizzava tramite moduli di ordine via fax nei quali il cliente indicava il prodotto desiderato, a cui seguiva un preventivo da parte della ditta, in tempi più moderni il sito web della ditta ne è diventato il principale snodo.

La possibilità di costruire su ordine, inoltre, garantiva a Dell la possibilità di non costituire un magazzino di macchine "standard" eliminando dai bilanci una delle voci più critiche per le aziende di informatica.

Nel 2008 apre ai partner lanciando il programm di canale Dell PartnerDirect. Successivamente sigla accordi con i maggiori distributori introducendo un nuovo modello di business basato sulle scorte di magazzino ed un numero limitato di configurazioni disponibili a catalogo.

Ubuntu sui PC Dell[modifica | modifica wikitesto]

Da maggio 2007 Dell distribuisce anche computer pre-installati con Ubuntu, all'epoca Ubuntu 7.04.[7][8] La scelta della distribuzione fu affidata all'utenza mediante un questionario online.[senza fonte]

La partnership fra Dell e Canonical Ltd. ha conseguito la certificazione hardware di Ubuntu per diversi server Dell.[9]

Il primo Tablet PC multitocco[modifica | modifica wikitesto]

Nel dicembre 2007 Dell è stata la prima azienda al mondo a proporre un Tablet PC con funzionalità multitocco, il Latitude XT. Al momento attuale è, insieme ad HP, l'unica azienda a proporre PC che possono supportare ogni funzionalità del sistema operativo Microsoft Windows 7. L'attuale evoluzione è il tablet Latitude 10 con Windows 8 Pro preinstallato e basato su processore Intel.

Concorrenti di Dell[modifica | modifica wikitesto]

Produttori di personal computer (in ordine di vendite):[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) America's Largest Private Companies, su forbes.com, Forbes. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  2. ^ (EN) Dell Enters Into Agreement to Be Acquired By Michael Dell and Silver Lake, su dell.com, Dell, 5 febbraio 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  3. ^ (EN) Michael J. De La Merced, Sale of Dell Closes, Moving Company Into Private Ownership, in The New York Times, 29 ottobre 2013. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  4. ^ (EN) Gianni Rusconi e Luca De Biase, Dell compra Emc per 67 miliardi $: ecco come nasce la più grande It company del pianeta, in Il Sole 24 ORE, 12 ottobre 2015. URL consultato l'8 ottobre 2016.
  5. ^ Brian Womack brianwomack, Dell, EMC Set to Complete Merger on Sept. 7 in Biggest Tech Deal, in Bloomberg.com, 30 agosto 2016. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  6. ^ Dell Sells Software Unit to Francisco Partners, Elliott, in Bloomberg.com. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  7. ^ (EN) Dell to Offer Ubuntu 7.04, en.community.dell.com, 1 maggio 2007. URL consultato il 19 novembre 2016.
  8. ^ (EN) Ubuntu partners overview, partners.ubuntu.com. URL consultato il 19 novembre 2016.
  9. ^ (EN) Ubuntu Server certified hardware, certification.ubuntu.com. URL consultato il 19 novembre 2016.
  10. ^ (EN) Gartner Says Worldwide PC Shipments in First Quarter of 2011 Suffer First Year-Over-Year Decline in Six Quarters, su gartner.com, Gartner, 13 aprile 2011. URL consultato l'8 ottobre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]