Meduza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il progetto musicale nato nel 2019 che ha debuttato con il singolo Piece of Your Heart, vedi Meduza (gruppo musicale).
Il logo di Meduza su sito e app.

Meduza è un quotidiano online e aggregatore di notizie in lingua russa con sede a Riga, Lettonia, con a capo Galina Timchenko, ex caporedattore del sito d'informazione russo Lenta.ru.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Meduza è un aggregatore di notizie e articoli in russo che, a differenza di quanto avviene su altri siti simili, vengono selezionati manualmente. Il principale criterio per la pubblicazione dei contenuti sono l'importanza e la credibilità dell'informazione, non la fonte. Inoltre, Meduza crea materiale suo. Il sito ha 5 argomenti principali, nessuna sezione né rubrica. Al momento, la maggior parte degli accessi al sito avvengono tramite le sue app mobili per iOS, Windows Phone e Android[1].

Galina Timchenko, co-fondatrice e principale responsabile di Meduza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A marzo del 2014 Galina Timchenko venne allontanata dal suo ruolo di caporedattrice della rivista online Lenta.ru dal miliardario e padrone del sito Aleksandr Mamut: con lei se ne andò la maggior parte dei giornalisti della rivista. Michail Chodorkovskij propose allora alla Timchenko di creare un nuovo sito d'informazione, stavolta però con sede in un paese dell'Unione Europea, che egli stesso avrebbe co-finanziato. La Lettonia venne scelta per ragioni economiche e per garantire l'indipendenza del nuovo sito dalle ingerenze del Cremlino[2].

A febbraio 2015 il sito ha lanciato una versione in inglese. A gennaio 2016, la fondatrice e amministratrice delegata Galina Timchenko lasciò il ruolo di caporedattore al suo vice Ivan Kolpakov[3]. A novembre 2018 Kolpakov si dimise dopo uno scandalo per molestie sessuali, venendo poi rimesso al suo posto a marzo del 2019[4].

Censura[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014 in Kazakistan il sito è stato bloccato[5] probabilmente a causa di un articolo[6] sulla città di Oskemen (in russo Ust-Kamenogorsk) che parlava di possibili desideri separatisti della popolazione etnicamente russa sulla scia dell'annessione della Crimea e della creazione delle repubbliche di Doneck e Luhansk[7].

Il sito è stato bloccato anche in Uzbekistan.[8] Le ragioni del blocco non sono ancora chiare.

Meduza ha sviluppato alcuni strumenti per eludere la censura tramite le sue app mobili.[9]

A giugno 2019 il giornalista di Meduza Ivan Golunov è stato arrestato a Mosca dalla polizia russa per possesso di droga. Colleghi e amici di Golunov hanno detto di credere che le accuse fossero state fatte ad arte per punire le sue inchieste sulla corruzione nel comune di Mosca.[10] Meduza, insieme a molte altre testate e media russi, ha portato avanti per alcuni giorni una forte campagna di protesta per la liberazione di Godunov e la chiusura del caso: alcuni giornali hanno titolato "Sono (Siamo) Ivan Golunov", mentre manifestanti scendevano in strada chiedendo il rispetto della libertà di stampa. La pressione mediatica ha funzionato e Golunov è stato liberato l'11 giugno 2019, pochissimi giorni dopo il suo arresto[11].

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Sito ufficiale di Meduza (in russo e inglese): https://meduza.io/

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ https://tvrain.ru/teleshow/govorite_s_yuliey_taratutoy/galina_timchenko_unizitelno_kogda_vsja_politicheskaja_zhurnalistika_zataiv_dyhanie_sledit_za_dvizheniem_brovej_prezidenta-376476/
  2. ^ Корпорация «Ходорковский» Что сделал бывший олигарх за два с половиной года на свободе. Репортаж Ильи Жегулева
  3. ^ Meduza chief editor steps down, remains as CEO, Meduza, January 28, 2016.
  4. ^ Ivan Kolpakov has been named Meduza’s chief editor
  5. ^ Никита Лихачёв, Издание Meduza заблокировали в Казахстане после репортажа из Усть-Каменогорска, su tjournal.ru, 21 ottobre 2014. URL consultato l'11 luglio 2017.
  6. ^ Усть-Каменогорская народная республика: Ждут ли русские в Казахстане "вежливых людей": репортаж Ильи Азара — Meduza, su meduza.io. URL consultato l'11 luglio 2017.
  7. ^ https://meduza.io/news/2014/10/20/ust-kamenogorskaya-narodnaya-respublika
  8. ^ trim_c, Медуза идет впереди, su trim_c, 30 ottobre 2016. URL consultato l'8 dicembre 2016.
  9. ^ Samat Galimov, Кошки-мышки в Казахстане, su Meduza : dev, 15 aprile 2016.
  10. ^ (EN) Andrew Roth, Russian police accused of arresting journalist on false charges, in The Guardian, 7 giugno 2019, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 7 giugno 2019.
  11. ^ https://www.ilsole24ore.com/art/colpo-scena-mosca-azzerate-accuse-contro-giornalista-ivan-golunov-ACawY5P?refresh_ce=1