McDonnell Douglas MD-94X

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
McDonnell Douglas MD-94X
McDonnell Douglas MD-94X propfan aircraft.png
Prototipo di un MD-94X realizzato a computer grafica.
Descrizione
Tipoaereo di linea
CostruttoreStati Uniti McDonnell Douglas
voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il McDonnell Douglas MD-94X era un progetto ideato dalla statunitense McDonnell Douglas di un aereo di linea a motore propfan del quale era prevista la produzione dal 1994.

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Annunciato nel gennaio 1986[1], l'aereo avrebbe dovuto ospitare da 160 a 180 passeggeri[2], probabilmente usando una configurazione a doppio corridoio. Un design completamente nuovo, che era stato studiato internamente almeno dal 1984[3], l'MD-94X venne sviluppato a metà degli anni ottanta per competere con il Boeing 7J7, aeromobile simile. Tuttavia, il prezzo del petrolio avrebbe dovuto essere di almeno 1,40 USD al gallone[4] affinché McDonnell Douglas potesse costruire l'aereo.

La configurazione doveva essere simile a quella dell'MD-80, ma erano allo studio tecnologie avanzate come i naselli a canard, il controllo dello strato limite e del regime turbolento, il controllo del volo con side-stick (tramite fibra ottica) e la costruzione in lega di alluminio-litio. L'interesse delle compagnie aeree per la nuovissima tecnologia propfan era debole, nonostante le richieste di riduzione del consumo di carburante fino al 60% ed i progetti di entrambi gli aeromobili vennero cancellati[5].

Allo stesso tempo, erano in fase di sviluppo due varianti propfan dell'MD-80. L'"MD-91X" avrebbe trasportato 100-110 passeggeri ed sarebbe entrato in servizio nel 1991, mentre l'"MD-92X" avrebbe dovuto ospitare 150 persone ed entrare in servizio nel 1992[2]. Anche i DC-9 e gli MD-80 esistenti sarebbero stati idonei per un upgrade ai nuovi motori propfan[6].

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Aerei di ruolo, configurazione ed epoca comparabili

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ J. M. Ramsden, Propfans—'the genie is out of the bottle' (PDF), in Flight International, vol. 129, nº 3999, New Delhi, India, February 22, 1986, p. 8, ISSN 0015-3710 (WC · ACNP). URL consultato il 17 maggio 2019.
  2. ^ a b James J. Haggerty, Toward future flight (PDF), in Spinoff, 1987ª ed., NASA, August 1987, pp. 30–33, OCLC 17914180 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2009).
  3. ^ Arthur V. Hawley, Development of stitched/RTM primary structures for transport aircraft, CR-191441, McDonnell Douglas Aerospace - Transport Aircraft, July 1993, p. 13, OCLC 34053899. Ospitato su NASA.
  4. ^ Nigel Moll, GA strong at Farnborough, in Flying, vol. 113, nº 12, December 1986, pp. 96–97, ISSN 0015-4806 (WC · ACNP).
  5. ^ John Morris, A propfan status report (PDF), International Council of the Aeronautical Sciences, 15th, London, England, United Kingdom, September 7–12, 1986, pp. 1091–1098.
  6. ^ David Learmount, Propfan: the price factor, in Flight International, Seattle, Washington and Long Beach, California, USA, June 13, 1987, pp. 76–79, ISSN 0015-3710 (WC · ACNP). URL consultato il 19 maggio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Aviazione Portale Aviazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aviazione