Massimo Livi Bacci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Livi Bacci

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVI
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico
Circoscrizione Toscana
Incarichi parlamentari
  • XV
    • membro della III commissione permanente affari esteri, emigrazione (4 dicembre 2007 - 28 aprile 2008)
    • membro della XI commissione permanente lavoro, previdenza sociale (6 giugno 2006 - 3 dicembre 2007)
    • membro della commissione speciale per la tutela e la promozione dei diritti umani (8 ottobre 2007 - 28 aprile 2008)
    • membro supplente della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea del Consiglio d'Europa (26 luglio 2006 al 26 settembre 2006)
    • membro supplente (segretario) della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea del Consiglio d'Europa (27 settembre 2006 = 28 aprile 2008)
    • membro supplente della delegazione parlamentare italiana presso l'assemblea dell'Unione dell'Europa occidentale (26 luglio 2006 - 28 aprile 2008)
  • XVI
    • membro della III commissione permanente affari esteri, emigrazione
    • membro della xommissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani
    • membro del comitato parlamentare Schengen, Europol e immigrazione
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Professione docente universitario

Massimo Livi Bacci (Firenze, 9 novembre 1936[1]) è un politico e docente italiano.

È professore di demografia all'Università di Firenze.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gli studi[modifica | modifica wikitesto]

Ha terminato gli studi classici e si è laureato (1960) presso la facoltà di Scienze Politiche “Cesare Alfieri” dell'Università di Firenze, per poi studiare negli Stati Uniti alla Brown University con una borsa di studio Fulbright. Inizia la carriera universitaria all'Università di Roma, divenendo professore ordinario di Demografia presso l'università di Firenze nel 1966, insegnando presso la facoltà di Economia e Commercio e quella di Scienze Politiche “Cesare Alfieri”.[2] Ha trascorso lunghi periodi di studio ed insegnamento nel continente americano (Stati Uniti, Messico, Brasile) e in vari paesi europei.

Attività accademica e pubblicistica[modifica | modifica wikitesto]

La sua attività scientifica ha riguardato vari aspetti della demografia attuale e storica. [3] Assertore dell'utilità delle incursioni in campi disciplinari diversi da quello centrale ai propri interessi (la demografia), utili per meglio comprendere i temi, ha particolarmente frequentato la storia e le interazioni tra dinamiche demografiche e politiche sociali.[4] Ha svolto attività pubblicistica per alcuni quotidiani nazionali. Nella sua carriera ha pubblicato libri, saggi ed articoli[5][6] and culture[7] e diretto gruppi di ricerca. Ha anche contribuito a fondare società scientifiche, collaborando con istituzioni pubbliche e private, nazionali e internazionali. Dal 1973 al 1993 è stato segretario generale e presidente della International Union for the Scientific Study of Population (IUSSP), società scientifica di studi demografici nota in tutto il mondo, di cui è poi divenuto presidente onorario.[8] In questa veste è stato il responsabile organizzativo e scientifico delle conferenze mondiali quadriennali del Messico nel 1977, di Manila nel 1981, di Firenze nel 1985, di New Delhi nel 1989, di Montreal nel 1993, ed ha istruito la fase preparatoria della conferenza di Pechino nel 1997.

Attività Politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 è stato eletto senatore della Repubblica nelle file del centro-sinistra. Successivamente ha aderito al PD, divenendo nuovamente senatore nel 2008.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Laurea ad Honorem rilasciata dall'Université de Liège
  • Laurea ad Honorem rilasciata dall'Università Complutense di Madrid
  • 1985 - Accademico dei Lincei[9]
  • 2001 - Premio Invernizzi per l'Economia[10]
  • 2004 - membro dell'American Philosophical Society[11]
  • 2006 - Premio Nazionale Letterario Pisa con il saggio Conquista. La distruzione degli indios americani[12]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il padre Livio Livi, il nonno Ridolfo Livi e il bisnonno Carlo Livi sono stati a loro volta studiosi nel campo della statistica, dell'antropologia e della psichiatria.

Bibliografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

  • Popolazione e alimentazione. Saggio sulla storia demografica europea - Il Mulino 1993
  • La popolazione nella storia d'Europa - Il Mulino 1999
  • Storia minima della popolazione del mondo - Il Mulino 2005
  • Conquista. La distruzione degli indios americani - Il Mulino 2005
  • Il Pianeta Stretto - Il Mulino 2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN110237176 · LCCN: (ENn79139233 · SBN: IT\ICCU\CFIV\019609 · ISNI: (EN0000 0001 1698 4815 · GND: (DE120986302 · BNF: (FRcb121854148 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie