Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Massimo Dall'Oglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Massimo Dall'Oglio (Cagliari, 22 marzo 1973) è un fumettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Dall'Oglio nasce a Cagliari, in Sardegna. Nel 1997 vince il premio "Pierlambicchi d'oro" quale miglior giovane autore.[1] La vittoria è stato il punto di partenza poiché da quel momento decise di proseguire nella carriera di fumettista professionista.

Viene così prodotto a proprie spese il fumetto cyberpunk "Donnel&Grace Blue lights". È proprio questo fumetto, e il suo stile graffiante a farlo diventare punto d'incontro con lo scrittore Andrea Iovinelli e, sempre grazie a Iovinelli, ad entrare in contatto con l'editoria Francese.

Inizia così a lavorare per l'editore Francese Les Humanoides Associés per la serie Underskin, per il quale disegnava all'incirca 30 pagine, più copertina.

Il lavoro in Francia gli vale il successo in Italia: arrivano le prime richieste di collaborazione tra le quali l'opera di Jonathan Steel per la Star Comics nel 2008[2] con lo sceneggiatore Federico Memola. Il successo lo porta a conoscere il fumettista Roberto Recchioni che gli propone di disegnare John Doe, per il quale disegna due numeri; viene successivamente contattato per realizzare le Cronache del mondo emerso. Tra il 2011 e il 2012 è stato anche coinvolto nel progetto bonelliano Orfani, e prosegue il suo lavoro al Web-Manga Sprawl, continuando l'attività in Francia.

Massimo dall'Oglio è disegnatore e illustratore per la Sergio Bonelli Editore e dal 2014 cura le storie e gli episodi di Nathan Never: Agenzia Alfa[3].

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ giocomix.com
  2. ^ DALL'OGLIO Massimo: Catalogo fumetti STAR COMICS, cerca e compra online, su starcomics.fumetto-online.it. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  3. ^ Massimo Dall'Oglio. URL consultato il 27 febbraio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN164735679 · BNF: (FRcb155460856 (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie