Marmosa andersoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Opossum topo di Anderson
Immagine di Marmosa andersoni mancante
Stato di conservazione
Status none DD.svg
Dati insufficienti[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Classe Mammalia
Ordine Didelphimorphia
Famiglia Didelphidae
Genere Marmosa
Specie M. andersoni
Nomenclatura binomiale
Marmosa andersoni
Pine, 1972

L'opossum topo di Anderson (Marmosa andersoni Pine, 1972) è un marsupiale appartenente alla famiglia dei Didelfidi, endemico del Perù meridionale.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

In base a recenti analisi molecolari, che indicano una maggiore distanza filogenetica dell'oppossum di Anderson rispetto alle altre specie del genere Marmosa, alcuni ricercatori pongono la specie nel differente genere (o sottogenere) Stegomarmosa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un piccolo marsupiale simile ad un topo, privo di marsupio e con gli occhi marcati da un contorno scuro. Il corpo è lungo al massimo 20 cm, esclusa la lunga coda prensile che può raggiungere i 24 cm, e dal peso approssimativo di 35 g nelle femmine e di 64 g nei maschi. La pelliccia, fine e vellutata, appare marrone-rossastra nella parte superiore del corpo e giallo-grigia nella regione inferiore.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La specie è endemica del Perù meridionale ed è stata rinvenuta in due località nelle prossimità di Cusco. Abita le foreste collinari prediligendo i corsi d'acqua ed altre zone umide.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo comportamento è poco conosciuto. Come le altre specie affini dovrebbe essere notturno ed arboricolo. La sua dieta potrebbe comprendere insetti e frutti ma anche piccoli roditori, lucertole e uova d'uccello. La specie potrebbe essere riproduttiva durante tutto l'anno o durante una stagione appropriata.

Status e conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List classifica questa specie come in pericolo critico di estinzione.
La Zoological Society of London, in base a criteri di unicità evolutiva e di esiguità della popolazione, considera Marmosa andersoni una delle 100 specie di mammiferi a maggiore rischio di estinzione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marmosa andersoni, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2018.1, IUCN, 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Marmosa andersoni, in EDGE (Evolutionary Distinct and Globally Endangered), Zoological Society of London.
Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi