Mario Galeani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Galeani (Messina, 25 giugno 1966) è un pianista italiano.

È stato allievo del pianista Aldo Ciccolini.

Collabora con famose orchestre come la Royal Philharmonic Orchestra di Londra, i Solisti del Gewandhaus di Lipsia, con l'Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania, con la Südwestrundfunk-Orchester di Kaiserslautern, con quella del Teatro dell'Opera del Cairo, la London Chamber Orchestra, Virtuosi di Praga, Solisti di Mosca, Cappella Istropolitana di Bratislava, Kremerata Baltica, Edmonton Symphony Orchestra, Asheville Symphony Orchestra, Lithuanian National orchestra, Philharmonie de Lorraine, Erfurt Philharmonisches Orchester, Dvorak Symphony Orchestra, Orquesta Sinfonica del Estado de Mexico, Edmonton Symphony Orchestra, Vermont Philharmonic, Orchestra Sinfonica Italiana, Orchestra Sinfonica Siciliana, Orchestra Sinfonica di Sanremo, Orchestra Sinfonica Abruzzese, Orchestra filarmonica di Torino ed altre, collaborando con grandi artisti quali Salius Sondeckis, Yuri Bashmet, Peter Lukas Graf, Enrique Batiz, Vincenzo Mariozzi, Grzegorz Nowak, Vadim Brodsky, Franco Maggio Ormezowsky, Anton Nanut, Michael Sanderling, Walter Gugerbauer etc.

Nell'agosto del 2005 è stato invitato al 54º Festival Internazionale di Santander dove si è esibito con i solisti di Mosca sotto la direzione di Yuri Bashmet.

Nel luglio del 2006 si è esibito al Teatro Greco di Taormina con la London Chamber Orchestra per il Festival Taormina Arte.

È stato invitato in tournée in tutta Europa, Nord e Centro America, Medio ed Estremo Oriente, e Nord Africa. Sin dal 1991 è annualmente invitato in tournée negli Stati Uniti d'America, in Giappone, in Messico (rappresentando l'Italia al 32º Festival Internazionale Cervantino, insieme ad artisti come i Solisti veneti con Claudio Scimone,il Quartetto Amati e Uto Ughi), in Egitto, e altrove.

Molte sue esecuzioni sono state registrate da radio e televisioni italiane e straniere tra cui la RAI Radiotelevisione Italiana, RTVE, France 3, NBC , CBC Canada, EURORADIO, Radio Classica, SWR Germania, RTVE Spagna, HRT Croazia, RTP Portogallo, RTV Romania e Bulgaria, RTM Mexico, ETV Egitto.

Nel 2005 viene pubblicato un cd dalla Phoenix Classics con le quattro ballate, l'opera 22 e 61 di Fryderyck Chopin, che riscuote grandi consensi dalla critica specialistica.

Nel 2008 viene pubblicato dalla RPO Records di Londra un cd in cui esegue il Quarto e Quinto concerto per pianoforte ed orchestra di L. Van Beethoven con la Royal Philharmonic Orchestra [1] diretta da Grzegorz Nowak. Il cd viene recensito da "Classical net review [2] come una delle migliori incisioni degli ultimi decenni e paragonato all'incisione dei primi anni '70 di Barenboim con Klemperer. Nel 2010 sempre con la RPO sotto la direzione di Gregorz Nowak, viene pubblicato un secondo cd beethoveniano contenente il Primo e Secondo concerto. Nell'Aprile 2012 ha registrato a Londra il Terzo Concerto, completando così l'incisione dell'integrale dei concerti di Beethoven per pianoforte ed orchestra. Il cd che contiene anche la Sonata op 27 n 2 "Al chiaro di luna", è stato pubblicato nel Novembre 2013 ed ha già riscosso notevoli consensi della critica specialistica tra cui "CD Classico" e Radio Classica. È l'unico pianista italiano vivente ad aver realizzato un'incisione integrale dei concerti di Beethoven con la RPO.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RPO | Beethoven Piano Concertos Nos. 4 & 5
  2. ^ Classical Net Review - Beethoven - Piano Concertos #4 & 5

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]