Mario Corti (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mario Corti (Guastalla, 29 gennaio 1882Roma, 18 febbraio 1957) è stato un violinista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un musicista, iniziò gli studi con il padre Angelo a Guastalla e li proseguì nel liceo musicale di Bologna dove fu allievo del violinista Adolfo Massarenti e, per la composizione, di Giuseppe Martucci e Marco Enrico Bossi. Iniziò la carriera concertistica nel 1903. Si dedicò soprattutto all'esecuzione di musica barocca italiana e fece parte del «Quintetto Mugellini» con Bruno Mugellini (pianoforte), R. Fantuzzi (violino), Ottorino Respighi (viola) e Antonio Certani (violoncello); il quintetto si esibirà in tutta Europa ed ebbe molta importanza per gli sviluppi compositivi di quella che è nota come la "Generazione dell'Ottanta"[1].

Nel 1907 Mario Corti ottenne la cattedra di violino al Conservatorio di Parma. Iniziò una serie di concerti in duo con diversi pianisti (Attilio Brugnoli, Guido Alberto Fano e con la propria moglie Maria Anelli). Nel biennio 1914-15 ebbe la cattedra di violino al Klindworth-Scharwenka-Konservatorium di Berlino: ritornò in Italia per lo scoppio della guerra nel 1915 e venne nominato professore di violino al conservatorio di Santa Cecilia. Iniziò una intensa attività concertistica il cui repertorio era costituito soprattutto da musica contemporanea di compositori italiani, senza trascurare tuttavia il repertorio violinistico del passato. Nello stesso tempo ebbe una intensa attività di studio e pubblicò numerose revisioni di musiche del XVI e XVII secolo nella raccolta dei Classici violinisti italiani[2]. Fu autore di una Sonata per violino e pianoforte (1925) e di numerose opere didattiche.

A partire dagli anni trenta fu direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana (stagioni 1930-32), direttore artistico del Festival internazionale di musica contemporanea a Venezia (1936-46) e sovrintendente al Gran Teatro La Fenice di Venezia (1940-46); fu anche capo della segreteria artistica dell'Accademia nazionale di Santa Cecilia di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marie Christine Haustein, Die Sinfonik der Generazione dell'Ottanta : Voraussetzungen, entwicklungen una wertung, Frankfurt am Main [etc.] : Peter Lang, 2008, ISBN 9783631582411
  2. ^ Mario Corti, I classici violinisti italiani liberamente riveduti ed armonizzati, Milano : A. & G. Carisch & C, 1927

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • -, voce Corti Mario, in Dizionario Enciclopedico Universale della Musica e dei Musicisti (diretto da Alberto Basso), Utet, Torino, Le Biografie, Vol. II, 1985, p. 335
  • B. M. Antolini, «CORTI, Mario». In : Dizionario Biografico degli Italiani, Roma : Istituto dell'Enciclopedia Italiana, Vol. XXIX

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9405039 · ISNI (EN0000 0000 8088 3093 · LCCN (ENno90012917 · WorldCat Identities (ENno90-012917