Maria Latella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maria Latella al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia.

Maria Latella (Reggio Calabria, 13 giugno 1957) è una giornalista, blogger e conduttrice televisiva italiana, attualmente fra le conduttrici di Sky TG 24.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in Calabria, Maria Latella ha vissuto a Sabaudia per i suoi primi 18 anni e poi a Genova fino al 1990.

Maria Latella è giornalista multimediale, con un blog, Tendenza Latella, e una costante presenza su Twitter. Da dieci anni punto di riferimento dell'informazione politica di Sky TG 24, conduce ogni domenica il suo programma, "L'Intervista", che ha ricevuto il Premio Ischia come miglior programma di attualità e politica[1].

Maria Latella ha conseguito la laurea in Giurisprudenza[2].

Editorialista del quotidiano romano «Il Messaggero», fa parte del board del Centro Studi Americani e del board Education di Samsung[3]. Ha lavorato per il gruppo Rizzoli-Corriere della Sera per ventitré anni, prima inviata di politica per il Corriere della Sera e poi direttore, dal 2005, del settimanale "Anna"[4]. Nel 2006 guida la trasformazione del periodico nel nuovo "A"[5].

È sposata con il pubblicitario inglese Alasdhair Macgregor-Hastie, Vice President della francese BETC[6]. Ha una figlia, Alice, creative director a Berlino. Vive dividendosi tra Milano, Roma e Parigi.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver vinto una borsa di studio della FNSI e della FIEG, è stata assunta nel quotidiano genovese Il Secolo XIX, dove ha lavorato come cronista di giudiziaria e poi come inviata. In quegli anni ha collaborato con il network televisivo americano NBC, nella cui sede di New York ha maturato uno stage.

Dal 1990 al 2005 e'stata al Corriere della Sera, prima a Milano e poi a Roma come inviata per la politica. Dal 2005 al 2013 è stata direttore del settimanale "Anna", rinnovandolo anche nella testata che è diventata "A" nel 2006. Dal 2013 è editorialista per il quotidiano romano Il Messaggero sulla cui edizione online gestisce anche Il blog Tendenza Latella.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Maria Latella ha esordito nel 1996 su Rai Tre con "Dalle venti alle venti", programma di informazione politica. Nel 1998 ha condotto, sempre su Rai Tre, Salomone, un talk show di prima serata dedicato ai temi della giustizia civile. Nel 2005 è stata chiamata da Sky TG24 alla conduzione del programma di attualità e politica Sky TG24 Pomeriggio e da allora è uno dei volti noti della pay tv con il programma "L'Intervista", nel quale ospita ogni domenica autorevoli protagonisti della politica, dell'economia e della cultura[7].

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 Maria Latella ha condotto su Radio 24 L'Utopista[8]. Tra il 2004 e il 2005, sempre su Radio 24, ogni sabato ha condotto la rassegna stampa dedicata ai settimanali italiani e stranieri[9]. Dal 2006 al 2015 ha avuto un appuntamento fisso con gli ascoltatori di RTL 102.5 nel programma condotto da Fulvio Giuliani e Giusi Legrenzi. Dal 13 settembre 2015 su Radio 24 conduce ogni domenica mattina "Nessuna è perfetta", trasmissione di attualità concentrata su donne e lavoro[10].

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Maria Latella è autrice dei libri:

  • Regimental. Dieci anni con i politici che non sono passati di moda (Marsilio, 2003)[11].
  • Tendenza Veronica (Rizzoli, 2004-2009), prima biografia di Veronica Lario, seconda moglie di Silvio Berlusconi[12]
  • Come si conquista un Paese. I sei mesi in cui Berlusconi ha cambiato l'Italia (Rizzoli, 2009)[13].
  • Il potere delle donne. Confessioni e consiglie delle ragazze di successo (Feltrinelli, 2015)[14].
  • Fatti privati e pubbliche tribù. Storie di vita e giornalismo dagli anni sessanta a oggi (San Paolo, 2017)[15][16].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maria Latella, colpo grosso e partenza sprint. URL consultato il 20 novembre 2017.
  2. ^ (IT) Intervista Leader a Maria Latella: "Crederci sempre. Arrendersi mai" - LeadingMyself, in LeadingMyself, 27 ottobre 2014. URL consultato il 20 novembre 2017.
  3. ^ note, su elastica.eu.
  4. ^ (EN) Italian Fashion, Beauty and Style Magazines | Made-In-Italy.com, su www.made-in-italy.com, 7 gennaio 2011. URL consultato il 20 novembre 2017.
  5. ^ Da Barbara Berlusconi a Marianna Madia, da Paola Severino a Paola Cortellesi: “Il potere delle donne” è l'ultimo libro di Maria Latella. URL consultato il 20 novembre 2017.
  6. ^ Maria Latella, sposa a Parigi: Lario testimone e Rachida celebrante. URL consultato il 20 novembre 2017.
  7. ^ (IT) Giorgia Meloni a Sky TG24: “Solidarietà a Fiano, ma legge ridicola” | Sky TG24. URL consultato il 20 novembre 2017.
  8. ^ "L'Utopista" cambia conduttore, su guide.supereva.it. URL consultato il 20 novembre 2017.
  9. ^ Maria Latella | Radio24, su Maria Latella | Radio24. URL consultato il 20 novembre 2017.
  10. ^ Nessuna è perfetta su Radio24, in Nessuna è perfetta su Radio24. URL consultato il 20 novembre 2017.
  11. ^ Libri Maria Latella | LaFeltrinelli, su www.lafeltrinelli.it. URL consultato il 20 novembre 2017.
  12. ^ Veronica, il premier, la scelta del divorzio «Ecco che cosa accadde in quei giorni» - Corriere della Sera, su www.corriere.it. URL consultato il 20 novembre 2017.
  13. ^ "Come si conquista un paese": il libro di Maria Latella su Silvio Berlusconi, in Polisblog.it. URL consultato il 20 novembre 2017.
  14. ^ Da Barbara Berlusconi a Marianna Madia, da Paola Severino a Paola Cortellesi: “Il potere delle donne” è l'ultimo libro di Maria Latella. URL consultato il 20 novembre 2017.
  15. ^ Fatti privati e pubbliche tribù. Storie di vita e giornalismo dagli anni sessanta a oggi | Maria Latella italiani | San Paolo Edizioni su Sanpaolostore.it, su www.sanpaolostore.it. URL consultato il 20 novembre 2017.
  16. ^ Maria Latella si racconta, io ragazza degli anni '60 - Libri, in ANSA.it, 6 novembre 2017. URL consultato il 20 novembre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN58473643 · ISNI (EN0000 0000 7148 2482 · SBN IT\ICCU\MODV\284176 · LCCN (ENn2004092363