Margot Käßmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Margot Käßmann
vescovo della Chiesa luterana
Margot Käßmann Saint Thomas Strasbourg 31 octobre 2015.jpg
Incarichi attuali Vescovo di Hannover
Presidente del Consiglio Protestante Tedesco
Incarichi ricoperti Vescovo di Hannover
Nato 3 giugno 1958
Ordinato presbitero 1985

Margot Käßmann nata Schulze (Marburgo, 3 giugno 1958) è una teologa e vescova luterana tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stata per dieci anni vescova della Chiesa protestante di Hannover. Il 28 ottobre 2009 venne eletta presidente del Consiglio dei vescovi della Evangelische Kirche in Deutschland, la chiesa protestante tedesca. A essa fanno riferimento circa 25 milioni di fedeli in Germania e 22 chiese regionali. Succedeva a Wolfgang Huber, vescovo di Berlino, andato in pensione. Madre di quattro figlie, è stata sposata con il pastore protestante Eckhardt Käßmann, dal quale è divorziata dal 2007.

La sua nomina ha suscitato la reazione negativa di Cirillo I, patriarca di Mosca e di tutte le Russie, che ha annullato la sua visita prevista nel 2009 in occasione della celebrazione del cinquantenario della ripresa del dialogo fra la Chiesa evangelica in Germania e la Chiesa ortodossa russa.[1][2]

Nella notte del 23 febbraio 2010, Käßmann è stata fermata alla guida di un'auto in seguito a un'infrazione al codice della strada. L'esame del sangue ha fornito come risultato un tasso alcolico di 1,54 per mille, superiore alla soglia dell'1,1 per mille, oltre la quale, in Germania, è prevista la denuncia penale.[3] Il giorno seguente, il 24 febbraio, Käßmann ha dato le dimissioni da tutti gli incarichi ecclesiastici[4], dichiarando: "La sera di sabato scorso ho commesso un grave errore, del quale sono profondissimamente pentita. Ma anche se me ne pento [...] non posso e non voglio negare che sia l'incarico sia la mia autorità come vescova regionale e come presidente del consiglio risultano danneggiati".[5] Con riferimento al detto del Siracide (37,17) "Radice dei pensieri è il cuore", ha spiegato: "Il mio cuore mi dice inequivocabilmente: non posso rimanere nell'incarico con la necessaria autorità".[6] Il portavoce della chiesa regionale ha espresso il rispetto della chiesa per la decisione di Käßmann, giudicando le sue dimissioni una sensibile perdita, dato l'eccellente lavoro da lei svolto.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chiesa ortodossa russa, vicina ai cattolici, ma lontana dai protestanti, AsiaNews.it, 4 febbraio 2010. URL consultato il 26 febbraio 2010.
  2. ^ Silvia Grilli, La papessa dei protestanti tedeschi: “Aids e preservativi: perché il Papa sbaglia”, Panorama, 17 dicembre 2009. URL consultato il 26 febbraio 2010.
  3. ^ Germania, la «papessa» protestante ubriaca al volante passa con il rosso, Corriere della sera, 23 febbraio 2010. URL consultato il 27 febbraio 2010.
  4. ^ Le dimissioni di Margot Kaessmann in diretta televisiva (video), Repubblica.it, 24 febbraio 2010. URL consultato il 26 febbraio 2010.
  5. ^ "Am vergangenen Samstagabend habe ich einen schweren Fehler gemacht, den ich zutiefst bereue. Aber auch wenn ich ihn bereue [...], kann und will ich nicht darüber hinwegsehen, dass das Amt und meine Autorität als Landesbischöfin sowie als Ratsvorsitzende beschädigt sind".
  6. ^ "[...] mein Herz sagt mir ganz klar: Ich kann nicht mit der notwendigen Autorität im Amt bleiben".
  7. ^ Dichiarazione stampa della chiesa regionale e testo completo della dichiarazione della vescova regionale, su evlka.de, 24 febbraio 2010. URL consultato il 28 febbraio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Hannover Successore
Horst Hirschler dal 1999 -
Predecessore Presidente del Consiglio Protestante Tedesco Successore
Wolfgang Huber dal 28 ottobre 2009 -
Controllo di autoritàVIAF: (EN52539015 · ISNI: (EN0000 0000 3146 6656 · LCCN: (ENn96011569 · GND: (DE121176592 · BNF: (FRcb165950258 (data)