Marco Confortola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Marco Confortola (Valfurva, 22 maggio 1971) è un alpinista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 diventa Guida Alpina e nel 1995 Maestro di sci. È membro del CNSAS (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico).

Nel maggio 2008 partecipa alla spedizione Share Everest 2008 durante la quale, insieme a Silvio Mondinelli e Michele Enzio, colloca sul Colle Sud dell'Everest a 8000 m la stazione meteorologica più alta della Terra.[1]

Nel luglio successivo parte per l'ascesa del K2, insieme al connazionale Roberto Manni. Il 1º agosto successivo raggiunse la vetta ma, a causa del crollo di un seracco sul "collo di bottiglia", è costretto a bivaccare una notte in una buca a 8300 m con Gerard McDonnell. In quelle ore moriranno undici alpinisti,[2] tra i quali lo stesso irlandese. L'alpinista italiano è nelle settimane successive al centro di una polemica sulla ricostruzione degli eventi, per aver iniziato il ritorno al campo 4 senza attendere McDonnell, impegnato nell'aiuto di alcuni alpinisti in difficoltà a cui lui stesso aveva partecipato, e aver raccontato una poi confutata ricostruzione degli eventi.[3] Confortola riesce, grazie all'aiuto di altri alpinisti sopraggiunti per salvarlo, a raggiungere il campo IV e poi il campo base, dove quasi tutti gli altri moriranno.

Ricoverato per i congelamenti riportati, subisce l'amputazione di tutte le dita dei piedi,[4] ed è costretto a passare dallo scarpone numero 43 al numero 35.[5]

Successivamente all'incidente, nel 2012 conquista il Manaslu[6] e nel 2013 il Lhotse.[7] Nel 2014 si ferma a 200 metri dalla vetta del Kangchenjunga

Il 23 maggio 2016 raggiunge la vetta del Makalu in compagnia del valdostano Marco Camandona al suo settimo ottomila.

Carriera alpinistica[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Confortola, Giorni di Ghiaccio. Agosto 2008. La tragedia del K2, Milano, Baldini Castoldi Dalai editore, 2009, ISBN 978-88-6073-600-0.
  • Marco Confortola, Ricominciare., Dalai editore, 2011, ISBN 978-88-6620-238-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italiani piazzano sull'Everest la stazione meteo più alta al mondo, in corriere.it, 15 maggio 2008. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  2. ^ K2: 11 vittime e due dispersi Sei gli alpinisti travolti dalla valanga, in corriere.it, 03 agosto 2008. URL consultato il 23 settembre 2015.
  3. ^ (EN) Best of ExplorersWeb 2008 Award Winner: K2, Gerard McDonnell, in mounteverest.net, 31 dicembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  4. ^ Confortola: domani l'amputazione, in montagna.tv, 16 settembre 2008. URL consultato il 5 ottobre 2008.
  5. ^ [1]
  6. ^ [2]
  7. ^ [3]
  8. ^ Massimo Cappon, In cima al mondo, davanti all'infinito, in corriere.it. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  9. ^ Himalaya: Mondinelli, Enzio, Confortola e Gobbi in vetta allo Shisha Pangma, in planetmountain.com, 09 maggio 2006. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  10. ^ Annapurna: cima per Camandona e Confortola, in planetmountain.com, 13 ottobre 2006. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  11. ^ Vetta del Cho Oyu per Mondinelli e Confortola, in planetmountain.com, 09 maggio 2007. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  12. ^ Il Broad di Confortola, Edurne, Gerlinde, in montagna.tv, 13 luglio 2007. URL consultato il 5 ottobre 2009.
  13. ^ [4]
  14. ^ http://www.gazzetta.it/Sport-Vari/Alpinismo/23-05-2016/alpinismo-marco-confortola-cima-makalu-col-58-simoncelli-150802501573.shtml

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN139799728